IRAN. Ecco l’industria dei droni di Teheran

242

L’Iran produce droni per applicazioni sia militari che civili da diversi anni, per aggiungere un ulteriore sviluppo alle sue capacità di difesa aerea, nonostante sia bersaglio di sanzioni militari da parte di tutti gli attori globali.

Nel 2015 l’Iran ha presentato il suo primo caccia di produzione nazionale, il Saeqeh. Il Saeqeh è un caccia di media altitudine e lunga resistenza utilizzato per la ricognizione e la sorveglianza. Ha un raggio d’azione di 2.000 km e può rimanere in volo fino a 24 ore. Da questa base la Repubblica islamica ha sviluppato un’ampia gamma di droni in grado di effettuare ricognizione, sorveglianza, acquisizione di bersagli, valutazione dei danni in battaglia e fotografia aerea. Il modo in cui la Russia utilizza gli Shahed 136 è quello di riempirli di esplosivo e di lanciarli in picchiata contro gli obiettivi, da cui il soprannome di “kamikaze”, che in precedenza sono stati chiamati “tosaerba volanti della morte” o “Irani”, secondo quanto riportato dai media russi.

L’Iran produce droni dall’inizio degli anni Duemila, ma ha avuto successo a metà degli anni Duemila quando è riuscito ad abbattere diversi droni spia americani e a recuperarli per spogliarli e studiarne la tecnologia.

L’esercito iraniano ha anche sviluppato un drone stealth chiamato Iaio Fotros. Si ritiene che questo drone sia in grado di effettuare attacchi aerei, riporta BneIntelliNews.

Oltre al crescente arsenale di droni a basso costo, lo Shahed 129 è un Uav Male, media altitudine e lunga resistenza che ha effettuato il suo primo volo nel 2012 ed è stato venduto sia a Hezbollah che all’esercito siriano. Lo Shahed 129 ha un’autonomia di volo di 24 ore e può trasportare fino a otto missili. È inoltre dotato di telecamere diurne e notturne e può essere utilizzato per l’acquisizione di bersagli e la valutazione dei danni in battaglia.

Il vantaggio unico che l’Iran ha nell’uso dei droni è il basso costo di produzione, circa 20.000 dollari per Shahed 136, con la maggior parte delle parti acquistate sui mercati cinesi, a causa delle sanzioni statunitensi. I droni iraniani sono più che all’altezza degli UAV ScanEagle dell’esercito americano, ampiamente utilizzati in Afghanistan e in Iraq.

Gli Stati Uniti hanno osservato l’uso di droni iraniani da parte dei Talebani in Afghanistan e dei ribelli Houthi nello Yemen; l’Iran è ora in grado di produrre circa 20 droni Shahed 136 all’anno, ma con la domanda così alta della Russia, è probabile che abbia già aumentato massicciamente la produzione.

Nel 2014, il governo iraniano ha annunciato la produzione di massa di una nuova linea di droni, tra cui il Karrar, un drone progettato per effettuare attacchi aerei. Il Karrar è un drone a propulsione a reazione in grado di trasportare un carico utile di quattro bombe da 250 kg e ha un raggio d’azione di 1.000 km. Si ritiene che sia basato sul drone statunitense Predator, catturato dall’Iran nel 2011.

L’Iran ha sviluppato una grande industria nazionale di armi in risposta al regime di sanzioni internazionali e agli embarghi che gli avevano impedito di importare armi. E la produzione si sta spostando all’estero. Il 17 maggio 2022, l’Iran ha inaugurato una fabbrica di droni nel vicino Tagikistan, il suo primo impianto di produzione di droni all’estero. L’uso di droni iraniani da parte della Russia nella sua guerra contro l’Ucraina rende evidente la debolezza della sua industria nazionale e la crescente influenza di Teheran nel mercato dei droni, dove anche la Turchia ha fatto grandi incursioni con i suoi droni Bayraktar TB2 di grande successo, utilizzati con effetti devastanti dall’Azerbaigian nella guerra del 2020 con l’Armenia.

Oltre alla nuova fabbrica in Tagikistan, l’Iran ha in programma la costruzione di altri due impianti di produzione di droni nel Paese. Il governo iraniano ha anche investito nella ricerca e nello sviluppo di nuove tecnologie per i droni.

Tommaso Dal Passo