INTERNET. Criptovalute protagoniste del Dark Web

32
Screenshot

Le criptovalute stanno diventando protagoniste delle richieste on line e se non si possono avere in maniera legale allora si ricorre al virtuale

Le regole per la gestione delle criptovalute non è come dire cristallina, né è al momento armonizzata. Kaspersky Lab nel suo rapporto annuale ha dato una nuova visione sul mercato per il 2024. 

Subito dopo i nuovi metodi per rilevare lo spyware in iOS, i ricercatori di Kaspersky Lab hanno presentato le previsioni per il mercato ombra e le minacce della darknet per il 2024.

Tradizionalmente, la revisione inizia con l’analisi delle previsioni precedenti, che per la maggior parte erano pienamente giustificate sulla base dei risultati dell’anno trascorso. Come previsto, il problema della compromissione dei dati personali rimane rilevante.

Nonostante una leggera diminuzione (6%) del numero di pubblicazioni di fuga di dati nel 2023, si registra un aumento del volume dei dati compromessi del 33%.

Inoltre gli aggressori hanno arricchito le fughe di notizie con dati provenienti da diversi settori; i leader erano aziende del settore commercio al dettaglio (49%) e finanziario (23%).

Nel 2023 sono emerse nuove famiglie di soluzioni distribuite secondo il modello MaaS, che hanno portato ad un aumento delle attività correlate sulla darknet. Tra questi vale la pena evidenziare BunnyLoader, un malware economico e multifunzionale per rubare dati riservati e criptovalute.

Un altro nuovo prodotto per il 2023 è Mystic Stealer, un malware basato su abbonamento progettato per rubare credenziali e altre informazioni preziose che ha generato molte discussioni nel dark web.

Anche il numero medio di post sulla darknet che offrono log di Redline, una nota famiglia di malware, è aumentato in modo significativo.

Il ricatto nei media ha guadagnato slancio: il ransomware ha iniziato a pubblicare più attivamente, segnalando hack e pubblicando dati rubati con un conto alla rovescia (nel 2022 – 386 post al mese, nel 2023 – 476, con un picco a novembre – 634 post).

Non solo è aumentato il numero dei post, ma sono apparsi anche nuovi blog, anche in concomitanza con l’emergere di un nuovo gruppo di ransomware. Sono state registrate anche pubblicazioni con false dichiarazioni, ma il loro volume non ha superato i valori accettabili.

Secondo le previsioni per il 2024, in breve: aumenterà il numero di servizi che offrono criptovalute per aggirare i software di sicurezza; i servizi di distribuzione dei downloader continueranno a svilupparsi. Nei mercati ombra aumenterà il numero di servizi con malware per il furto di beni di criptovaluta.

Gli schemi per generare traffico “nero” diventeranno popolari. Il mercato dei mixer Bitcoin e dei servizi di anonimizzazione delle criptovalute si sta evolvendo.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/