Inflazione stabile nei paesi CSI

56

TAJIKISTAN – Dushanbe. 10/05/14. Secondo il Comitato CSI di statistica della Csi, l’inflazione del Tagikistan per il primo trimestre di quest’anno si è fermato al 2,4 per cento. Fonte Asia Plus.

Nello stesso periodo tra le nazioni della Csi l’inflazione più bassa è stata registrata in Azerbaijan allo 0,5 per cento. Baku è seguita dall’Armenia (1,2 per cento) e poi dalla Moldavia (1,6 per cento). In Russia l’inflazione tra gennaio – marzo si è fermata al 2,3 per cento, in Ucraina al 3,0 per cento, in Kazakhstan al 3,3 per cento, in Kirghizistan al 3,4 per cento e in Bielorussia al 4,9 per cento. Il comitato di statistica della Csi non ha fornito i dati relativi all’inflazione per il Turkmenistan e l’Uzbekistan. Il tasso medio di inflazione Cis per il periodo di riferimento è stata del 2,5 per cento. La Banca centrale tagika osserva che l’inflazione di fine anno del Tagikistan dovrebbe attestarsi al 7,5 per cento.

Il Trading Economics aveva registrato che nel 2013 il Tagikistan aveva avuto il tasso di inflazione più basso tra i paesi dell’Asia centrale. In Asia centrale il più alto tasso medio di inflazione lo scorso anno è stato registrato in Uzbekistan al 7,0 per cento. A seguire il Turkmenistan dove l’inflazione lo scorso anno era pari al 6,0 per cento, Kazakistan al 4,5 per cento e Kirghizistan 4,0 per cento. In Tagikistan l’inflazione a fine 2013 era pari al 3,7 per cento.