INDOPACIFICO. La Russia si addestra alla III Guerra mondiale

219

Navi da guerra, imbarcazioni e navi di supporto della Flotta russa del Pacifico hanno lasciato il 14 aprile, i loro punti di schieramento per aree designate del Mar del Giappone, del Mare di Okhotsk e del Mare di Boering. Secondo i ben informati della rete social filo russa, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha annunciato l’inizio di un’esercitazione a sorpresa nella flotta del Pacifico, che è stata allertata a pieno regime e ha iniziato a essere portata al massimo grado di prontezza al combattimento.

«Anche se l’Estremo Oriente è lontano dagli eventi dell’operazione in Ucraina, ciò non significa che le unità dell’esercito e marina, basate sui confini orientali del Paese, possano rilassarsi» commentano in rete. La rapida militarizzazione del Giappone, il crescente conflitto tra Cina e Stati Uniti su Taiwan e altri territori contesi, formazione di due alleanze dei paesi occidentali diretti contro Russia e Cina sono fattori che impensieriscono Mosca che alza così il livello di guardia per garantire la massima prontezza al combattimento delle truppe nella regione orientale.

L’obiettivo principale delle esercitazioni è aumentare la capacità di risolvere i problemi per respingere l’aggressione di un potenziale nemico. Il comandante in capo della Marina Nikolai Evmenov supervisiona l’ispezione. Nell’ambito dell’ispezione improvvisa, è previsto che la flotta effettui lanci missilistici per distruggere gruppi di attacco navale e bersagli terrestri di un finto nemico, e sarà coinvolta anche l’aviazione a lungo raggio.

Il controllo a sorpresa della flotta del Pacifico viene effettuato in tre fasi, ha dichiarato il capo di stato maggiore Valery Gerasimov: nella prima fase, la flotta sarà messa in piena prontezza al combattimento, le forze di difesa aerea e le unità aeronautiche in servizio saranno controllato.

Nella seconda fase sarà assicurato il dispiegamento di forze di prontezza permanente dai punti base alle aree di addestramento al combattimento e nella terza fase verranno elaborati i compiti di addestramento al combattimento. Gerasimov ha incaricato di prendere il controllo separato della prontezza dei sottomarini strategici per usare le armi.

Nel corso delle esercitazioni improvvise iniziate il 14 aprile, si è creato un ambiente formativo caratteristico di un periodo di imminente minaccia di aggressione. La flotta e l’aviazione a lungo raggio russa contrasteranno un finto nemico che sta proponendo i suoi gruppi d’attacco per attaccare il territorio russo.

Tutte le forze della flotta del Pacifico sono coinvolte nelle manovre, compresi i sottomarini stealth di classe Varshavyanka progettati per garantire la sicurezza dell’area di schieramento nucleare sottomarino. Inoltre, gli aerei a lungo raggio effettueranno attacchi di addestramento contro gruppi navali di un finto nemico. Sicuramente alle esercitazioni prenderà parte anche il Tu-22M3 in grado di trasportare missili Kh-22 con testata nucleare.

Il portavoce di Vladimir Putin, Dmtrij Peskov ha definito un controllo a sorpresa nella flotta del Pacifico una pratica comune per valutare la prontezza al combattimento dell’aviazione. Putin non prevede di prendere parte a nessuna fase delle esercitazioni della flotta del Pacifico, un controllo improvviso nella flotta del Pacifico non è collegato ai piani di espansione della NATO nella regione Asia-Pacifico, ha aggiunto Peskov.

O forse sì. La visita programmata in Russia del ministro per la Difesa cinese mostrano che la temperatura sta salendo nell’area. Un analista militare russo nella social sfera scrive: «Un tale controllo della prontezza al combattimento è necessario, prima di tutto, affinché il comando comprenda il reale stato delle nostre forze nella regione. Duro in allenamento, facile in combattimento. Il nemico sicuramente non ci darà né una discesa né il tempo per costruire. Quindi è meglio essere pronti a tutto, in modo che i nostri nemici non possano nemmeno pensare a eventuali invasioni».

Terminato inoltre presso il centro di addestramento delle forze aerospaziali russe l’addestramento dei piloti bielorussi degli aerei d’attacco Su-25, che hanno imparato i metodi di utilizzo, tra l’altro, di munizioni speciali.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/