INDOPACIFICO. Gli USA creano una struttura addestramento comune per combattere la Cina

54

Gli Stati Uniti e i loro alleati nella regione dell’Asia-Pacifico si trovano ad affrontare una situazione militare sempre più disastrosa. Gli Stati Uniti hanno sviluppato nuovi concetti operativi e nuove capacità sul campo per affrontare le sfide della guerra del XXI secolo portando al traino gli alleati dell’area.

Il 1° luglio scorso, il primo Ministro australiano Scott Morrison ha annunciato i più significativi cambiamenti della forza di difesa australiana degli ultimi decenni, tra cui importanti cambiamenti nella postura e nelle capacità militari. Anche il governo giapponese sta procedendo con l’acquisizione di nuove capacità e lo sviluppo di nuovi concetti.

Gli Stati Uniti hanno dichiarato che intendono lavorare con i loro alleati per stabilire una rete di addestramento e sperimentazione in tutta la regione indopacifica, riporta Defense News.

Una rete di addestramento e sperimentazione indopacifica che dovrebbe tenere conto delle caratteristiche della guerra moderna. In primo luogo, poiché le operazioni si svolgeranno sempre più su lunghe distanze, l’addestramento e la sperimentazione dovranno analogamente coprire grandi distanze geografiche.

In secondo luogo, poiché le operazioni sono sempre più multidominio, un ambiente realistico di addestramento e sperimentazione dovrà combinare operazioni dal vivo, virtuali e costruttive tra i vari domini.

In terzo luogo, gli sforzi per operare attraverso lo spettro elettromagnetico di fronte ad avversari capaci saranno la chiave per l’efficacia operativa sia Usa che degli alleati.

In quarto luogo, l’impiego e la difesa contro i sistemi non presidiati rappresentano un’altra caratteristica importante della guerra moderna, e che deve figurare nelle esercitazioni e negli esperimenti. Quinto, poiché lo spazio sarà un dominio di crescente importanza nelle operazioni di combattimento, il suo ruolo dovrebbe essere prominente nell’addestramento e nella sperimentazione. Sesto, la crescita e la diffusione delle capacità di negazione dell’accesso/area porta con sé l’imperativo di potersi addestrare ed esercitare per operazioni in ambienti contesi.

Infine, in tutto questo occorre un’infrastruttura di addestramento e sperimentazione alleata, prosegue Defense News

Il Comando Indo-Pacifico degli Stati Uniti ha riconosciuto queste tendenze e sta sviluppando una visione ambiziosa di come allenarsi per affrontare le sfide del XXI secolo. Soprannominata la Pacific Multi-Domain Training and Experimentation Capability, o Pmtec, l’iniziativa collegherebbe la formazione in tutto il Pacifico occidentale dalla Corea del Sud all’Australia. Il piano prevede in particolare una rete di campi di addestramento in cui forze congiunte e di coalizione possano addestrarsi insieme sui concetti operativi digitalmente abilitati che domineranno il campo di battaglia futuro.

Luigi Medici