INDO-PACIFICO. Chi vincerà le presidenziali USA? La scommessa ASEAN

49

La leadership politica asiatica guarda con trepidazione alla corsa per la nomina presidenziale repubblicana degli Stati Uniti, cercando di capire quale impatto avrà sui loro paesi il possibile ritorno al potere di Donald Trump. Se Trump tornasse alla Casa Bianca, che tipo di effetto avrà sull’Asia?

Un paese che probabilmente sarà colpito dal suo ritorno sarà l’India. Il primo Ministro indiano Narendra Modi ha visitato gli Stati Uniti lo scorso anno come ospite statale, concordando con Biden di approfondire i legami su una vasta gamma di questioni, comprese quelle militari, ma dovrà costruire relazioni da zero se Trump sarà eletto presidente, riporta Nikkei.

L’India, che si è posizionata come leader del Sud del mondo, terrà le elezioni generali entro maggio e si prevede che Modi vincerà un terzo mandato.

Per l’ASEAN, i quattro anni di presidenza di Trump sono stati un incubo. L’ex presidente ha prestato poca attenzione alla regione, partecipando ai regolari vertici USA-ASEAN solo una volta nel 2017, anno in cui è entrato in carica.

Biden ha rapidamente invertito la politica, definendo l’ASEAN “centrale per l’architettura regionale” nella sua strategia per l’Indo-Pacifico pubblicata nel febbraio 2022. Nel maggio dello stesso anno, Biden ha invitato i leader dell’ASEAN a Washington per un vertice speciale.

Subito dopo il vertice, Biden ha visitato il Giappone, dove ha annunciato la creazione del Quadro economico indo-pacifico per la prosperità, IPEF, una nuova iniziativa economica. Ha invitato sette membri dell’ASEAN ad aderire all’accordo, escludendo il Myanmar, che era sotto il controllo militare dal colpo di stato del 2021, e Cambogia e Laos, entrambi considerati troppo vicini alla Cina.

Sotto l’amministrazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama, gli Stati Uniti hanno promosso la Trans-Pacific Partnership (TPP), ma Trump ha ritirato il paese dal patto commerciale non appena è entrato in carica, affermando che avrebbe rappresentato una minaccia per l’industria e l’occupazione degli Stati Uniti.

Nel frattempo, la Cina ha preso la guida del Regional Comprehensive Economic Partnership, RCEP, un accordo di libero scambio firmato con 10 paesi dell’ASEAN, Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda. nel novembre 2020. Nel settembre 2021, Pechino ha chiesto di aderire all’Accordo globale e progressista di partenariato transpacifico, CPTPP, successore del TPP. Separatamente, ha anche spinto la sua Belt and Road Initiative in Asia.

Sentendo un senso di crisi per la mancanza di presenza degli Stati Uniti nei quadri commerciali regionali, l’amministrazione Biden ha lanciato l’IPEF per riconquistare influenza, chiedendo la creazione di regole comuni per le transazioni di beni e servizi in quattro campi: commercio, catene di approvvigionamento, economia pulita ed economia giusta.

Il Giappone ha esortato gli Stati Uniti a tornare alla patto commerciale, ma Biden ha rifiutato, poiché considera il libero scambio allo stesso modo di Trump, dicendo che andrà a beneficio solo della Cina a scapito degli Stati Uniti. 

Tuttavia, molti sono scettici riguardo ai vantaggi dell’IPEF per i suoi partecipanti. A differenza del TPP, dell’RCEP e di altri patti di libero scambio, il quadro non richiede agli Stati Uniti di aprire i propri mercati attraverso tagli tariffari. Alcuni esperti hanno affermato che i paesi dell’ASEAN hanno scelto di aderire all’iniziativa perché non avrebbero subito pressioni per liberalizzare l’accesso al mercato, ma sembra esserci un’altra ragione.

I negoziati sull’IPEF si sono mossi rapidamente, poiché non implicano discussioni sulle tariffe, un’area in cui spesso gli interessi nazionali si scontrano. Un anno e quattro mesi dopo l’inizio dei negoziati, sono stati raggiunti accordi in tre dei quattro pilastri, mentre il commercio è ancora in fase di negoziazione.

I ministri del Commercio di 14 paesi partecipanti ai colloqui IPEF hanno concordato di rendere le catene di approvvigionamento più resilienti nel maggio 2023 e hanno firmato l’accordo a novembre, segnando i primi risultati tangibili dei negoziati. Desiderosi di ridurre la propria dipendenza dai semiconduttori e dalle risorse minerarie cinesi, gli Stati Uniti avevano accelerato le discussioni.

Gli Stati Uniti hanno mostrato la loro forza e “intraprendenza” come superpotenza in un vertice con l’Indonesia lo scorso novembre. In un incontro con il presidente indonesiano Joko “Jokowi” Widodo, che era negli Stati Uniti per partecipare a un vertice sulla cooperazione economica Asia-Pacifico e a un forum IPEF, Biden ha accettato di collaborare allo sviluppo delle catene di approvvigionamento dei minerali. Come se fosse stato il momento giusto, lo stesso giorno la compagnia petrolifera statunitense ExxonMobil ha annunciato un piano per estrarre il litio, un materiale che l’Indonesia non produce, in Arkansas.

Australia, Cile e Cina insieme rappresentano il 90% della produzione globale di litio, un minerale essenziale per le batterie dei veicoli elettrici. L’Indonesia, il principale produttore mondiale di nichel, un altro materiale chiave per le batterie, ha sfruttato gli investimenti cinesi per aumentare la capacità di lavorazione del minerale di nichel, collaborando con l’Australia per l’approvvigionamento di litio. Gli Stati Uniti sono ora pronti a inserirsi nel quadro.

Molti esperti ritengono che l’IPEF sia stato progettato per aiutare gli Stati Uniti a garantire un approvvigionamento stabile da parte dei paesi emergenti ricchi di risorse. Ma il progetto Arkansas dimostra che gli Stati Uniti possono diventare essi stessi una grande potenza in grado di fornire denaro, tecnologia e mercati. Biden ha ricordato a Jokowi il vantaggio di approfondire i legami con gli Stati Uniti mentre il paese asiatico persegue il suo nazionalismo delle risorse.

Se rieletto, Trump potrebbe non opporsi all’IPEF, poiché non comporta l’apertura dei mercati statunitensi e prevede un elemento di negoziazione. 

Mentre il CPTPP conta solo quattro paesi ASEAN come membri, l’IPEF ne ha sette. Se gli Stati Uniti dovessero uscire dall’IPEF, ciò potrebbe danneggiare la loro credibilità molto più di quanto non abbia fatto il loro abbandono del TPP iniziale.

Tuttavia la vittoria di Biden potrebbe non essere del tutto positiva per l’ASEAN. Un negoziatore giapponese coinvolto nei colloqui dell’IPEF ha criticato l’arroganza dell’attuale amministrazione americana nel trattare con le altre parti coinvolte nei negoziati.

Luigi Medici 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/