INDIA. Tesla potrebbe entrare profondamente nel mercato elettrico indiano

55

L’India si è offerta di dare a Elon Musk i prezzi di produzione più bassi del mondo nel tentativo di convincerlo a produrre veicoli elettrici nel paese, piuttosto che assemblare solo le sue auto. Il ministro dei Trasporti indiano Nitin Gadkari ha detto che il paese è pronto a offrire incentivi per garantire che il costo di produzione di Tesla in India sia inferiore a quello della Cina, se la casa automobilistica si impegna a fare i suoi veicoli elettrici nel paese dell’Asia meridionale.

Il lancio di Gadkari, riporta Atf, arriva settimane dopo che Tesla ha registrato una società in India, considerato un passo verso l’ingresso nel paese, forse già a metà del 2021; Tesla prevede di iniziare importando e vendendo la sua berlina elettrica Model 3 in India.

«Le operazioni indiane di Tesla inizieranno con un centro di ricerca e sviluppo, il suo secondo al di fuori degli Stati Uniti», ha detto Tesla, in un comunicato sulle sua operazioni indiane. Per spingere Tesla a fare le sue auto in India, Gadkari ha offerto maggiori concessioni se la società Usa optasse per una produzione locale completa delle sue auto piuttosto che accontentarsi di un’operazione di assemblaggio: «Piuttosto che assemblare le auto in India dovrebbero fare l’intero prodotto nel paese assumendo fornitori locali. Poi possiamo dare maggiori concessioni», ha detto Gadkari, riporta Reuters: «Il governo si assicurerà che il costo di produzione per Tesla sia il più basso rispetto al mondo, anche alla Cina, quando inizieranno a produrre le loro auto in India. Lo assicureremo», ha detto il Ministro.

L’India vuole aumentare la produzione locale di veicoli elettrici, batterie e altri componenti per tagliare le importazioni costose e frenare l’inquinamento nelle sue principali città.

L’ingresso di Tesla, quindi, è probabile che intensifichi la corsa dei veicoli elettrici, settore in cui corrono Bmw, Porsche, Audi, Tatas e Mahindra.

Il nascente mercato di auto elettriche dell’India ha ancora cifre basse: solo 5.000 unità su un totale di 2,4 milioni di auto vendute nel paese nel 2020, poiché le infrastrutture di ricarica trascurabili e l’alto costo dei veicoli elettrici hanno scoraggiato gli acquirenti. Il livello attuale e previsto di penetrazione delle auto elettriche nel paese potrebbe arrivare a 7 miliardi di dollari entro il 2025.

Graziella Giangiulio