INDIA. Senza ossigeno e con il numero di casi giornalieri più alto al mondo

43

L’India ha messo le bombole di ossigeno su treni espressi speciali mentre i principali ospedali di Nuova Delhi venerdì hanno chiesto sui social media più forniture per salvare i pazienti Covid-19.

Il sistema sanitario dell’India sta vacillando mentre la peggiore ondata di coronavirus logora la nazione, che ha stabilito un altro record globale di infezioni giornaliere per il secondo giorno consecutivo con 332.730.

L’India ha confermato 16 milioni di casi finora, seconda solo agli Stati Uniti in un paese di quasi 1,4 miliardi di persone. L’India ha registrato 2.263 morti nelle ultime 24 ore per un totale di 186.920, riporta Ap.

La situazione sta peggiorando di giorno in giorno, con gli ospedali che si rivolgono ai social media per chiedere al governo di rifornirli di ossigeno e minacciando di fermare le accettazioni dei pazienti.

Un’importante catena di ospedali privati nella capitale, il Max Hospital, ha twittato che una delle sue strutture aveva una fornitura di ossigeno di un’ora nel suo sistema ed era in attesa di rifornimento dalla mattina presto. Due giorni prima, avevano presentato una petizione all’Alta Corte di Delhi che stavano esaurendo l’ossigeno, mettendo in pericolo la vita di 400 pazienti, di cui 262 erano in trattamento per Covid-19.

Il governo ha iniziato a far funzionare i treni Oxygen Express con le autocisterne per far fronte all’emergenza negli ospedali, ha detto il ministro delle ferrovie Piyush Goyal: «Abbiamo un’eccedenza di ossigeno negli impianti che sono lontani dai luoghi in cui è necessario in questo momento. Trasportare l’ossigeno è una sfida», ha detto Saket Tiku, presidente dell’associazione dei produttori di gas industriali di tutta l’India. «Abbiamo aumentato la produzione perché il consumo di ossigeno sta salendo alle stelle. Ma abbiamo dei limiti e la sfida più grande in questo momento è trasportarlo dove è urgentemente necessario».

La Corte Suprema ha detto al governo del primo Ministro Narendra Modi che voleva un “piano nazionale” sulla fornitura di ossigeno e farmaci essenziali per il trattamento dei pazienti affetti da coronavirus. Il governo di Nuova Delhi ha stilato un elenco di una dozzina di ospedali governativi e privati che hanno una carenza acuta di forniture di ossigeno.

Un anno fa, l’India è stata in grado di evitare le carenze di ossigeno medico che hanno afflitto l’America Latina e l’Africa dopo aver convertito i sistemi di produzione di ossigeno industriale in una rete di grado medico. Ma molte strutture sono tornate a fornire ossigeno alle industrie e ora diversi stati indiani affrontano carenze tali che il ministero della Salute ha sollecitato gli ospedali a razionarlo.

Il governo in ottobre ha iniziato a costruire nuovi impianti per produrre ossigeno medico, ma ora, circa sei mesi dopo, non è chiaro se qualcuno di questi stia funzionando, con il ministero della Salute che ha detto che sono stati «attentamente esaminati per un rapido completamento».

I serbatoi di ossigeno vengono trasportati in tutto il paese nei punti caldi per far fronte alla domanda, e diversi governi statali hanno affermato che molti sono stati intercettati da altri stati in viaggio per essere utilizzati per i loro bisogni.

Graziella Giangiulio