INDIA. Rupia internazionalizzata e antiriciclaggio per le crypto. Nuove sfide finanziarie

137

La spinta dell’India verso l’internazionalizzazione della rupia arriverà con una serie di sfide e la probabilità di una maggiore volatilità.

«È ormai ampiamente accettato che mentre l’internazionalizzazione e un conto capitale più libero comportano una serie di vantaggi, non sono privi di rischi (…) Flussi di capitali più liberi comportano una serie di sfide, la principale è quella della volatilità e dobbiamo prepararci per gestirla», ha affermato M Rajeshwar Rao, vice governatore della Reserve Bank of India, Rbi, ripreso da da AF.

Rao non si è dilungato su come gestire la volatilità nei suoi commenti, che facevano parte del suo discorso programmatico in una conferenza organizzata dalla Foreign Exchange Dealers ‘Association of India, Fedai.

Rao ha detto che c’era una “buona quantità di interesse” negli accordi di scambio di rupie che la Rbi stava mettendo in atto. E se gli sforzi della banca centrale verso la fatturazione in rupie daranno frutti, gli esportatori e gli importatori locali non avranno bisogno di coprirsi, ha aggiunto.

Una valuta internazionale è quella che è liberamente disponibile per i non residenti, essenzialmente per regolare le transazioni transfrontaliere. Nel caso della rupia, ciò sarà ottenuto promuovendo la valuta per l’importazione e l’esportazione, senza alcun limite.

A luglio 2023, la Rbi ha introdotto un nuovo meccanismo per regolare il commercio internazionale in rupie, con l’obiettivo di promuovere le esportazioni e facilitare le importazioni.

Le mosse dell’India, tuttavia, renderanno la rupia più reattiva agli eventi globali e ciò aumenterebbe i deflussi, aumentando la volatilità.

Anche se Rao ha avvertito che mercati sempre più interconnessi porteranno maggiori sfide, ci sarebbero state anche opportunità.

«Potrebbero mergere anche nuove frontiere man mano che le banche indiane espandono la loro presenza nei mercati offshore, i non residenti partecipano maggiormente ai mercati domestici e i cambiamenti tecnologici continuano a trasformare il modo in cui funzionano i mercati», ha affermato.

In un tale contesto, ha affermato Rao, la Rbi rimane impegnata ad andare avanti costantemente e in linea con il mutevole contesto macrofinanziario a livello globale e nazionale.

Oltre a questa volontà di internazionalizzare la rupia, Nuova Delhi agisce anche sul mercato crypto. Applicherà le sue norme sul riciclaggio di denaro al commercio di criptovalute, ha dichiarato il governo federale, riporta Reuters.

Lo scambio tra risorse digitali virtuali e valute fiat, lo scambio tra una o più forme di risorse digitali virtuali e il trasferimento di risorse digitali saranno ora tutti coperti dalle leggi sul riciclaggio di denaro del paese, afferma la notifica governativa.

Saranno coperti anche la custodia o l’amministrazione di beni digitali virtuali e la partecipazione a servizi finanziari relativi all’offerta e alla vendita di beni digitali virtuali, aggiunge la notifica.

L’India deve ancora finalizzare la legislazione e i regolamenti relativi alle criptovalute, anche se la banca centrale del paese ha messo in guardia contro il loro utilizzo più volte.

La Reserve Bank of India ha affermato che le criptovalute dovrebbero essere vietate poiché sono simili a uno schema Ponzi.

L’estensione delle regole di riciclaggio di denaro dell’India alle criptovalute darà alle autorità maggiori poteri per monitorare il trasferimento delle attività oltre i confini del paese.

L’amministrazione guidata da Narendra Modi, come parte della sua leadership del forum del G20, ha spinto per un accordo globale più ampio sulla gestione dei rischi causati dalle criptovalute.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/