INDIA. Nuova Delhi aumenta la spesa sanitaria causa COVID 19

30

L’India ha aumentato la spesa sanitaria del 135 per cento e ha sbloccato gli investimenti stranieri nel suo vasto mercato assicurativo per contribuire a rianimare un’economia che ha subito il suo crollo più pesante registrato a causa della pandemia.

Consegnando una dichiarazione di bilancio al parlamento il 1 febbraio, il ministro delle Finanze Nirmala Sitharaman ha previsto un deficit fiscale del 6,8 per cento del prodotto interno lordo per il 2021/22, superiore al 5,5 per cento previsto, riporta The Globe and Mail. L’anno in corso dovrebbe concludersi con un deficit del 9,5 per cento, si legge nella dichiarazione, ben al di sopra del 7 per cento previsto in precedenza.

Il primo Ministro Narendra Modi ha detto che il bilancio era volto a creare “ricchezza e benessere” in un paese che sta combattendo la seconda più alta casistica di coronavirus al mondo dopo gli Stati Uniti. L’India spende attualmente circa l’1 per cento del Pil per la salute, tra i più bassi per qualsiasi grande economia. Sitharaman ha proposto di aumentare la spesa sanitaria a 2,2 trilioni di rupie indiane per contribuire a migliorare i sistemi sanitari pubblici e finanziare un’enorme campagna di vaccinazione per immunizzare 1,3 miliardi di persone.

Complessivamente, il governo ha fissato le spese in conto capitale per il 2021/2022 a 5,54 trilioni di rupie, il 35% in più rispetto alla stima del bilancio dell’anno precedente.

A differenza di altri paesi, l’India si è astenuta dall’annunciare un grande stimolo, offrendo invece una maggiore liquidità alle imprese, e si è trattenuta dall’usare la sua potenza di fuoco fiscale fino a quando le restrizioni per contenere il virus non saranno rimosse. Il governo stima che l’economia si contrarrà del 7,7% nell’attuale anno fiscale che termina a marzo, in quello che sarebbe il più grande calo mai registrato. Tuttavia, prevede una forte ripresa nel 2021/2022 con una crescita dell’11%.

Ciò la renderebbe la principale economia in più rapida crescita al mondo, davanti alla crescita dell’8,1 per cento prevista dalla Cina, ma il governo ha detto che ci vorranno due anni perché l’economia raggiunga i livelli pre-pandemici.

Per colmare parte del deficit, il governo prevede di raccogliere 1,75 trilioni di rupie dalla vendita della sua partecipazione in aziende e banche statali, tra cui la banca Idbi, una compagnia di assicurazioni e compagnie petrolifere. Vuole anche vendere i terreni in eccesso delle imprese statali.

La pandemia ha rovinato i piani di disinvestimento per l’anno fiscale in corso, con solo 180 miliardi di rupie raccolte finora dalle vendite. Le vendite di quote e le privatizzazioni hanno raramente raggiunto gli obiettivi in India, in parte a causa della resistenza dei sindacati e dell’opposizione politica.

Graziella Giangiulio