INDIA. Il crescente peso geostrategico di Nuova Delhi

178

L’India sta cercando di diventare una superpotenza che potrebbe eclissare la Cina. Con la guerra in Ucraina in un pantano e Pechino che sta affrontando la possibilità di un grande rimbalzo pandemico, Nuova Delhi sta silenziosamente aumentando il suo profilo geopolitico.

L’India ha mostrato la sua ambizione di giocare un ruolo maggiore negli affari mondiali durante il Voice of the Global South Summit, un incontro online che il Paese ha ospitato il 12-13 gennaio. Secondo il governo indiano, 125 Paesi in via di sviluppo hanno partecipato alla conferenza, discutendo una serie di questioni in 10 sessioni, ognuna delle quali incentrata su specifiche aree politiche, riporta Nikkei.

«La vostra voce è la voce dell’India e le vostre priorità sono le priorità dell’India», ha dichiarato il Primo Ministro indiano Narendra Modi nella sessione di apertura; «Il nostro obiettivo è amplificare la voce del Sud globale».

L’India sta anche cercando di utilizzare la sua nuova presidenza del G20 per dare voce al malcontento dei Paesi in via di sviluppo, molti dei quali soffrono per l’aumento dei prezzi dei generi alimentari e dell’energia e per gli effetti del riscaldamento globale e delle tensioni geopolitiche. Queste nazioni sostengono che i Paesi sviluppati sono i principali responsabili di questi problemi, ma sono loro a soffrire di più.

L’ambizione dell’India di guidare il “Sud globale” riflette la sua crescente fiducia in se stessa. Con una popolazione che ha superato gli 1,4 miliardi di abitanti, il Paese è sulla buona strada per superare la Cina come nazione più popolosa quest’anno – la prima volta che ciò accade da quando le Nazioni Unite hanno iniziato a tracciare i dati demografici globali negli anni Cinquanta.

Secondo il Fmi, nel 2022 il Pil indiano potrebbe superare la Gran Bretagna, rendendo la nazione dell’Asia meridionale la quinta economia mondiale. La Banca asiatica di sviluppo ha previsto che quest’anno l’economia indiana crescerà a un ritmo torrido del 7,2%, il più alto tra i suoi 46 membri della regione Asia e Pacifico.

La crescita economica dell’India è stata trainata dalla tendenza globale alla diversificazione delle catene di approvvigionamento, emersa dall’intensificarsi della rivalità tra Stati Uniti e Cina e dalla pandemia.

Apple, Foxconn sono sbarcate in India ad esempio; in un sondaggio della Japan Bank for International Cooperation, l’India è in cima alla lista delle possibili destinazioni per l’espansione all’estero delle imprese nipponiche.

Si prevede che l’India supererà la Germania in termini di PIL nel 2025 e il Giappone nel 2027, diventando la terza economia più grande dopo Stati Uniti e Cina. Modi si è impegnato a rendere l’India un Paese sviluppato entro il 2047, quando si celebrerà il 100° anniversario della sua indipendenza.

L’India è anche un’importante fonte di talenti imprenditoriali e politici di primo piano. Satya Nadella, presidente e amministratore delegato di Microsoft, e Sundar Pichai, amministratore delegato di Alphabet sono di origini indiane, così come Kamala Harris e Rishi Sunak.

Ma le credenziali democratiche dell’India sono state messe in discussione perché non ha denunciato l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Ma Russia e India hanno una lunga storia di alleanza

Nonostante le parole di Modi sul tempo di guerra, l’India ha partecipato alle esercitazioni militari russe in agosto e settembre e si è astenuta in ottobre da un voto dell’Onu per condannare l'”annessione illegale” da parte di Mosca di quattro regioni orientali e meridionali dell’Ucraina.

Dopo l’invasione, l’India ha aumentato le importazioni di petrolio dalla Russia, acquistando più di 1 milione di barili al giorno da settembre. La Russia è diventata il principale fornitore di petrolio dell’India, sostituendo l’Iraq e l’Arabia Saudita. Nuova Delhi si è rifiutata di rispettare un tetto al prezzo del petrolio russo concordato dal G7 nell’ambito delle sanzioni economiche contro Mosca. È vero che l’India non ha sostenuto attivamente la guerra della Russia, ma ha fatto poco per aiutare a mediare un accordo di pace.

A livello internazionale, si è unita al Giappone, agli Stati Uniti e all’Australia per formare il Quad, una coalizione strategica allentata nella regione indo-pacifica. Ha inoltre approfondito i legami con l’Europa, che ha un proprio progetto per l’area. Dal punto di vista degli Stati Uniti, che vedono la rivalità con la Cina come una battaglia tra democrazia e autocrazia, l’India appartiene al campo democratico.

Ma le nazioni occidentali hanno erroneamente ritenuto che l’India sia democratica quanto loro. Il governo Modi, agendo sulla base del programma nazionalista indù del Bharatiya Janata Party, ha adottato una serie di misure per reprimere le minoranze religiose nel Paese. Tanto che l’Istituto V-Dem, Svezia, nel 2021, ha declassato l’India da “democrazia elettorale” ad “autocrazia elettorale”.

In effetti, l’India sta perseguendo una diplomazia di “autonomia strategica”. Le sue recenti risposte all’invasione russa dell’Ucraina e ad altre questioni devono aver fatto capire alle democrazie occidentali che gli interessi e i valori strategici della nazione dell’Asia meridionale non sono necessariamente allineati con i loro.

In un certo senso, il vertice Voice of the Global South ha ricordato la Conferenza di Bandung del 1955, un incontro di nazioni asiatiche e africane tenutosi in Indonesia. Tuttavia, a differenza dell’incontro di Bandung, organizzato grazie alla cooperazione tra l’allora primo ministro indiano Jawaharlal Nehru e l’allora primo ministro cinese Zhou Enlai – i primi primi ministri dei due Paesi – il Global South è stato organizzato dalla sola India. Il fatto che oltre 120 Paesi abbiano partecipato al recente evento è un segnale del crescente potere demografico e politico dell’India.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/