INDIA. Elicotteri antisom USA per contrastare le mire di Pechino

64

Stando a quanto riporta Breaking Defense, il governo degli Stati Uniti ha una tale fretta di essere in credito verso la Marina indiana tanto da rinunciare ad una parte dei loro elicotteri da caccia ai sottomarini per effettuare una consegna anticipata all’inizio del prossimo anno.

L’urgenza deriva dal processo decennale che l’India ha iniziato per sostituire la sua vecchia flotta di elicotteri navali di fabbricazione britannica, mentre le navi della marina cinese, i droni subacquei e i cosiddetti pescherecci delle milizie marittime battenti bandiera civile si diffondono ulteriormente nell’Oceano Indiano, riporta Breaking Defense.

Con Nuova Delhi che ha fretta di iniziare ad utilizzare elicotteri moderni, e il governo degli Stati Uniti desideroso di avvicinare l’India contro la crescita delle capacità navali cinesi, la Marina statunitense ha permesso a Sikorsky di prendere tre dei suoi nuovissimi Sea Hawk MH-60R e di iniziare a modificarli secondo gli standard indiani per consegnarli la prossima primavera. Secondo Economic Times, questi elicotteri Seahawk hanno sistemi di combattimento avanzati come sensori, missili e siluri per rintracciare e cacciare le imbarcazioni e i sottomarini nemici. 

La Marina riceverà tra qualche anno nuovi MH-60R per sostituirli. I rimanenti 21 elicotteri saranno consegnati nel 2023 e 2024, riporta Asia Times.

La maggior parte dei cambiamenti che si stanno apportando ai velivoli sono nel campo delle comunicazioni e della condivisione dei dati, come la possibilità di un collegamento dati Satcom indigeno indiano. Inoltre, possono parlare con le loro navi, quindi c’è un collegamento che ci hanno chiesto di installare, e ci sono altre modifiche come un sistema di galleggiamento, e altre modifiche rispetto alla configurazione standard della Marina degli Stati Uniti. 

L’MH-60R è nato per essere un cacciatore di sottomarini, tuttavia, e quella missione rimarrà centrale nella configurazione indiana. Secondo Defense News, gli elicotteri devono essere armati con radar multimodali, missili Hellfire, siluri Mark 54 e razzi di precisione.

Devono anche essere utilizzati in ruoli limitati di raccolta di informazioni, per missioni di sorveglianza, e negli sforzi di ricerca e salvataggio. L’accordo è il più grande contratto che Sikorsky ha firmato con il governo indiano. A differenza di molti altri programmi, non è soggetto alla politica “Make in India” lanciato dal primo ministro indiano Narendra Modi. 

Antonio Albanese