L’India ammoderna la Difesa

53

INDIA – Nuova Delhi 24/11/2014. L’India ha approvato il 22 novembre l’acquisto di 814 sistemi di cannoni per l’esercito ad un costo di 157,5 miliardi di rupie (3,38 miliardi di dollari).

Per il ministero della Difesa, che ha annunciato l’acquisto, l’India, già il più grande importatore mondiale di armi, ha in essere un programma di aggiornamento della Difesa del valore di 100 miliardi di dollari. Nel mese di ottobre, il nuovo governo ha approvato progetti, a lungo ritardati, del valore di 13 miliardi di dollari per modernizzare gli strumenti della Difesa e promuovere l’industria militare nazionale. Il primo ministro Narendra Modi sta accelerando il piano di ammodernamento, nel tentativo di recuperare il ritardo incrementando la presenza delle forze armate, nel tentativo di avvicinarsi al programma della vicina Cina. I soldati indiani, spesso mal equipaggiati, si scontrano con quelli del Pakistan e si confrontano con quelle cinesi sul confine himaliano.
Un’aliquota (100 cannoni) dei sistemi d’arma sarà importata, ma la maggior parte (714) saranno realizzati in India grazie alla collaborazione tra imprese straniere e produttori nazionali. Secondo i media locali, la Tata’S Strategic Engineering Division Power ha presentato il suo primo sistema d’arma montato nel 2012. Le altre imprese indiane coinvolte potrebbero essere la Mahindra Defence, L & T e Bharat Forge.