INDIA. Difesa e commercio nell’accordo con Londra

203

La Gran Bretagna e l’India hanno concordato il 22 aprile di intensificare la difesa e la cooperazione commerciale durante la visita a Nuova Delhi di Boris Johnson, secondo cui un accordo bilaterale di libero scambio potrebbe essere concluso entro ottobre.

Nella sua prima visita nella capitale indiana come primo Ministro del Regno Unito, Johnson ha discusso con il suo omologo indiano Narendra Modi i modi per aumentare i legami di sicurezza con l’India, che acquista più della metà del suo hardware militare dalla Russia. Il ministro degli Esteri indiano, tuttavia, ha detto che Johnson non ha fatto pressione su Modi per la posizione di Nuova Delhi sull’invasione della Russia in Ucraina: «Il primo Ministro Johnson ha condiviso la sua prospettiva in merito, il primo Ministro Modi ha condiviso la nostra – che è che la guerra Russia-Ucraina dovrebbe finire immediatamente», ha detto Harsh Vardhan Shringla «Non c’era nessun tipo di pressione».

L’India si è astenuta da un voto delle Nazioni Unite che condannava l’invasione e, a differenza della Gran Bretagna e di altre nazioni occidentali, non ha imposto sanzioni a Mosca, che definisce le azioni della Russia in Ucraina una “operazione militare speciale”. «Abbiamo avuto meravigliosi colloqui che hanno rafforzato il nostro rapporto in ogni modo», ha detto Johnson a un briefing congiunto con Modi; «Abbiamo concordato una nuova ed estesa partnership per la difesa e la sicurezza, un impegno decennale che non solo creerà legami più stretti tra noi, ma sosterrà il vostro obiettivo Make in India», ha detto, riferendosi alla spinta produttiva interna di Modi.

Johnson ha poi detto che i negoziatori dei due paesi dovrebbero completare un accordo di libero scambio entro la fine di quest’anno: «Stiamo dicendo ai nostri negoziatori di concluderlo entro Diwali, in ottobre. Questo potrebbe raddoppiare il nostro commercio e gli investimenti entro la fine del decennio», ha detto, riporta Reuters.

Johnson, che è sotto pressione politica in patria per aver infranto le regole del lockdown durante la pandemia, ha detto che la Gran Bretagna sosterrà l’obiettivo dell’India di costruire i propri jet da combattimento, per ridurre le costose importazioni di attrezzature militari. L’India ha ora un mix di jet da combattimento russi, britannici e francesi. Il governo indiano l’anno scorso ha dato un contratto di 480 miliardi di rupie alla compagnia statale Hindustan Aeronautics Ltd per 83 aerei da combattimento leggeri, Tejas, per la consegna a partire dal 2023 circa.

Gli Stati Uniti il mese scorso hanno offerto all’India più vendite nei settori difesa ed energia, dopo che il presidente Joe Biden ha definito l’India “un po’ traballante” nell’agire contro la Russia. Johnson ha detto che la Gran Bretagna stava anche creando una licenza di esportazione generale aperta specifica per l’India per ridurre i tempi di consegna degli articoli di difesa. Solo l’Unione europea e gli Stati Uniti hanno attualmente tali licenze.

Il ministro degli Esteri indiano Shringla ha detto che l’India potrebbe cercare il sostegno della Gran Bretagna sui sistemi di propulsione elettrica per le navi militari e sui sistemi di propulsione a getto per gli aerei. L’attenzione era sul “co-sviluppo e co-produzione” di attrezzature di difesa, ha detto.

Johnson ha detto che un accordo di libero scambio aiuterebbe l’India a vendere più riso e tessuti alla Gran Bretagna. Il commercio britannico con l’India, il secondo paese più popoloso del mondo con quasi 1,4 miliardi di persone, valeva 23 miliardi di sterline nel 2019, molto più basso del commercio del Regno Unito con alcune economie molto più piccole come l’Irlanda.

Graziella Giangiulio