INDIA. Cresce il turismo indiano grazie ai visti elettronici

179

Gli sforzi delle autorità per pubblicizzare l’India come luogo di vacanza sembra stia pagando, poiché Delhi e Mumbai salgono in classifica in un rapporto che elenca le città principalmente sulla base della varietà di ospiti ogni anno. All’interno del rapporto pubblicato da Euromonitor Worldwide, una società di analisi del mercato mondiale con sede nel Regno Unito, Delhi e Mumbai sono salite di tre posizioni e di un posto all’interno del rating, rispettivamente all’ottava e alla tredicesima posizione nel 2019.

Il rapporto elenca le prime 100 città del mondo in base agli arrivi dei vacanzieri. oltre Delhi e Mumbai, altre 5 diverse città indiane, Agra (18°), Chennai (31°), Jaipur (34°), Kolkata (74°) e Bengaluru (93°), sono presenti tra le le prime 100 città nel 2019, tutte in crescita rispetto al 2018.

Lo scopo principale dell’aumento del turismo inbound è stata la liberalizzazione dell’e-visa in India nel 2017, riporta Nikkei. Nel 2017, l’e-visa è stato suddiviso in tre classi, visto e-Vacationer, visto e-Enterprise e visto e-Medical. I residenti provenienti da più di 160 nazioni possono andare in India con un visto elettronico. 

Inoltre, il tempo per un visto elettronico è stato aumentato da 30 giorni a 60 giorni, ed è stato consentito il doppio ingresso per i visti e-Vacationer ed e-Enterprise, mentre per il visto e-Medical è stato consentito il triplo ingresso. 

Prima della liberalizzazione del 2017, era consentito un solo ingresso unico per visto.  Il settore turistico dell’India è stato a lungo ostacolato dal problema di aggirare la nazione. La varietà di arrivi in entrata è stata relativamente bassa, con un totale di 10,5 milioni di arrivi di clienti nel 2018, secondo le conoscenze delle autorità. A fronte di 38 milioni di arrivi in Thailandia e 25 milioni nell’ultimo anno in Malesia.

Tuttavia l’India ha un potenziale eccessivo per il turismo, dice il rapporto Euromonitor: «L’India è probabilmente una delle località in aumento più forti in Asia a causa delle sue solide fonti culturali, come il mausoleo Taj Mahal ad Agra, della varietà di esperienze e della competitività del valore».

Delhi sta crescendo rapidamente le sue infrastrutture turistiche e si sta specializzandosi nella fornitura di attività mediche, sportive, di lusso e di turismo culturale: «Con il turismo del benessere e del benessere in crescita, l’India ha guadagnato una considerazione degna di nota per i suoi ritiri yoga e le pratiche Ayurveda».

In risposta a Euromonitor, riporta Travel News, le città asiatiche hanno rappresentato sei delle 10 località più elevate, sostenute da un mercato in crescita in lingua cinese in uscita, oltre che da un aumento degli introiti e da una più ampia varietà di giovani vacanzieri. Hong Kong è rimasta la località di vacanza numero 1 in questo anno, ma si prevede che gli arrivi di clienti sul territorio, insieme a quelli provenienti dalla Cina continentale, non si prevede che arrivino al 9%, pari a 26,7 milioni, a causa delle proteste in corso.

Tuttavia si prevede che gli arrivi a Bangkok, la seconda metropoli più visitata del pianeta, aumenteranno del 7% quest’anno indipendentemente dal baht tailandese. Per le vacanze a Macao e Singapore si prevede un aumento rispettivamente del 9% e del 7%.

Anna Lotti