INDIA. Caccia fatti in casa per l’Aeronautica militare

124

La scorsa settimana, l’India ha autorizzato il più grande affare di difesa home made del paese, per un valore di 6,5 miliardi di dollari, per l’acquisto di 83 aerei da combattimento leggeri LCA MK1A Tejas. L’accordo è stato approvato dall’organo di sicurezza del governo, il Comitato di Gabinetto per la Sicurezza, presieduto dal primo Ministro Narendra Modi.

L’accordo vedrà la Hindustan Aeronautics Limited, di proprietà dello Stato, produrre 73 versioni di caccia LCA MK1A Tejas e 10 versioni di addestratori, ha detto il Ministero della Difesa, ripreso da Defense News.

«Questo accordo sarà una svolta per l’autosufficienza nella produzione della difesa indiana. Agirà da catalizzatore per la trasformazione dell’ecosistema aerospaziale nazionale. L’Lca-Tejas sarà la spina dorsale della flotta di caccia indiana negli anni a venire», ha detto il Ministro della Difesa Rajnath Singh. «Sotto l’Atmanirbhar Bharat Abhiyaan (il programma Self-Reliant India Initiative, ndr), l’India è in continua crescita nel suo potere di progettare, sviluppare e produrre tecnologie e sistemi avanzati all’avanguardia nel settore della difesa», ha detto il ministero della Difesa in una dichiarazione, ripresa dal giornale Usa. «Circa 500 aziende indiane, tra cui micro, piccole e medie imprese nei settori della progettazione e della produzione, lavoreranno a questo appalto. Il programma fungerà da catalizzatore per trasformare l’ecosistema manifatturiero aerospaziale indiano in un vivace ecosistema autosufficiente».

Il Ministero della Difesa ha detto che questo accordo è la prima categoria “Buy Indian-Indigenously Designed, Developed and Manufactured per l’acquisto di aerei da combattimento con un contenuto indiano di almeno il 50% e si prevede che aumenterà al 60% entro la fine del programma. Il programma Tejas comporterà il più alto livello di lavoro locale rispetto a qualsiasi programma indiano di questa portata.

Le società di difesa private che sosterranno l’assemblaggio includono Larsen & Toubro per le ali, Dynamatic Technologies per la fusoliera anteriore, Alpha Tokal per la fusoliera posteriore e VEM Technologies per la fusoliera centrale.

Anna Lotti