Il parlamento georgiano blocca Saakshvili

57

GEORGIA – Tblisi. Il legislatore georgiano ha votato per limitare i poteri del presidente. Si tratta dell’ultimo round della lotta per il potere tra il presidente Mikheil Saakashvili e il primo ministro Bidzina Ivanishvili.

I due uomini sono impegnati un braccio di ferro politico istituzionale dalla vittoria del Georgian Dream di Ivanishvili  alle elezioni parlamentari dell’ottobre 2012. 

Il 21 marzo, in un primo di tre voti, il parlamento all’unanimità ha appoggiato una mozione che rimuove il potere del presidente di licenziare il governo e il parlamento.

Dopo mesi di dispute politiche, gli alleati di Ivanishvili hanno sostenuto la mozione, per dimostrare che senza il loro supporto non si può fare nulla; la coalizione di Ivanishvili non ha la maggioranza dei due terzi necessaria per far passare emendamenti costituzionali.

In una dichiarazione televisiva, Saakashvili ha commentato il fatto dicendo che il voto è stato importante per il «dialogo democratico».