I commandos italiani

173

ITALIA – Roma. Lo storico Daniele Lembo prosegue il suo viaggio nella storia militare italiana dedicando il suo ultimo sforzo ai precursori dei reparti d’elìte italiani: i paracadutisti sabotatori (Commandos italiani – i paracadutisti sabotatori italiani nel Secondo conflitto mondiale, Delta edizioni).

Il volume affronta in maniera sistematica l’argomento dei paracadutisti sabotatori e di tutte quelle unità italiane che operarono dietro le linee nemiche nel Secondo conflitto mondiale.

Lembo illustra al lettore la strutturazione del Decimo Reggimento Arditi, degli A.D.R.A (Arditi Distruttori Regia Aeronautica) e dei Nuotatori Paracadutisti della Regia Marina.

Dopo aver illustrato una serie di azioni minori, Lembo passa alla più importante operazione che vide impegnati gli uomini del Decimo Reggimento Arditi e degli A.D.R.A. Si tratta dell’Operazione “Campi Africani”, che si svolse nel giugno 1943 e che vide in azione 120 paracadutisti sabotatori lanciati sul Nord Africa, ormai completamente occupato, per sabotare le basi aeree angloamericane. Dei 120 partiti solo 2 sarebbero arrivati al bersaglio.

In vista dello sbarco alleato in Sicilia (nome in codice: Husky),  questi reparti furono strutturati per preparare un’attività di Stay Behind che li avrebbe visti operare alle spalle dello schieramento nemico nell’Italia occupata.

Inoltre, gli uomini del 10° Arditi furono lanciati alle spalle delle truppe alleate sbarcate in Sicilia per operare sabotaggi e danneggiamenti alle linee di comunicazione nemiche.

Lembo non si ferma, però, all’8 settembre 1943 ma va oltre, trattando del Battaglione Vega, lo speciale reparto della Xa Flottiglia Mas di Borghese che impiegò propri uomini, sia in abiti civili che in divisa, nell’Italia del Sud occupata dagli anglo-americani in azioni informative o di sabotaggio.

Il volume si chiude con l’ultimo aviolancio di paracadutisti italiani in quella guerra. Si tratta dell’Operazione Herring che vide i para’ del Sud, ovvero cobelligeranti, lanciati al nord per creare confusione dietro le linee tedesche. Un volume che non può mancare nella libreria degli appassionati di storia.

Il volume sarà distribuito anche in edicola a partire dalla seconda metà del mese di marzo. Per info: deltaed@iol.it