In Husqvarna verso Mattinghofen

42

ITALIA – Roma. 31/5/13. Gli stabilimenti di produzione Husqvarna, saranno in tutta probabilità delocalizzati da Cassinetta e Biandronno, alla volta dell’Austria; per essere inglobati nel comparto produttivo del suo nuovo acquirente. La nuova sede, sarà infatti la stessa di Ktm, presso Mattinghofen, dando vita ad una nuova società chiamata Husqvarna Sportmotorcycle GmbH.

 

Definitiva la scelta dell’amministratore delegato Ktm, Stefan Pierer dell’omonima Pierer Industries, che insisterà sui circa 250 dipendenti attualmente impiegati nello stabilimento nostrano; dove nelle scorse settimane, l’unica speranza sembrava risiedere in un anno di cassa integrazione straordinaria.

Da parte italiana, per scongiurare il perfezionamento dell’operazione, sarà tentata una via istituzionale che interesserà il Governo Letta; mantenendo come ultima risorsa la creazione di una cordata di imprenditori della Regione Lombardia, interessati rilevare gli stabilimenti di Cassinetta e Biandronno, per salvaguardare una parte dei posti di lavoro a rischio.

Nel tentativo di temporeggiare, l’incontro presso il Ministero dello Sviluppo Economico – Unità di Gestione Vertenze ha visto presenti i rappresentanti di Regione Lombardia, i sindacati confederali e il compartimento varesino di Confindustria, che sono riusciti a far cancellare il provvedimento di cassa integrazione straordinaria, che avrebbe dovuto avere effetto a partire dall’inizio di giugno. Situazione temporaneamente sostituita da una misura di cassa integrazione ordinaria valida per un periodo di 13 settimane a partire dal 3 prossimo giugno. Alla luce dell’antieconomico annullamento della delocalizzazione, la Pierer Industrie ha infine dato disponibilità a sondare l’eventuale ingresso di soggetti imprenditoriali terzi nell’operazione, con Ministero e gli enti territoriali disposti a coadiuvare gli stabilimenti nella ricerca di nuove collocazioni produttive.