HONG KONG. Rimpasto di governo che è sempre più vicino a Pechino 

30

L’ex capo della polizia assumerà il ruolo di numero due nel governo di Hong Kong di Carrie Lam, mentre la Cina sta continuando la sua spinta per il controllo del governo centrale dell’ex colonia britannica.

Il segretario per la sicurezza John Lee prende il posto di Matthew Cheung come segretario capo della città, in un rimpasto che la leader di Hong Kong Lam ha descritto come una mossa «per migliorare la sicurezza nazionale», riporta Dw.

I cambiamenti arrivano dopo che il giornale pro-democrazia Apple Daily ha pubblicato la sua ultima edizione questa settimana e dopo un anno di proteste contro la proposta di legge sull’estradizione che è stata poi cancellata.

Con John Lee che passa al ruolo di numero due del governo, l’attuale capo della polizia, Chris Tang, è stato nominato segretario per la sicurezza. Il vice di Tang nelle forze di polizia di Hong Kong, Raymond Sui, ne diventerà ora il capo.

Matthew Cheung, che è stato segretario di stato negli ultimi quattro anni, lascerà il suo posto, anche se sembrava deciso a continuare il suo lavoro, secondo il South China Morning Post.

«Continuerò a servire la società e a contribuire a questo paese», ha detto Cheung. Nel suo nuovo ruolo di segretario capo, Lee sarà responsabile di dipartimenti come l’istruzione, il benessere, la salute, i trasporti e gli alloggi.

Il rimpasto è stato annunciati da Carrie Lam in una conferenza stampa la mattina del 25 giugno dopo una precedente decisione del governo cinese, secondo Xinhua. La decisione di cambiare la leadership dell’ex colonia britannica di Hong Kong ha seguito la pubblicazione dell’ultima edizione del giornale pro-democrazia Apple Daily.

La polizia ha arrestato cinque redattori e dirigenti, accusandoli di aver messo in pericolo la sicurezza nazionale, e ha congelato 2,3 milioni di dollari di beni della holding durante recenti irruzioni.

Antonio Albanese