HONG KONG. Alleggerite le regole della quarantena per entrare

107

L’Amministrazione di Hong Kong ha dichiarato il 23 settembre scorso che la città eliminerà la politica di quarantena alberghiera Covid-19 per tutti gli arrivi a partire da lunedì 26 settembre.

Tutte le persone in arrivo dall’estero potranno tornare a casa o andare in un alloggio di loro scelta, ma dovranno autocontrollarsi per tre giorni dopo l’ingresso nell’hub amministrativo speciale cinese, hanno dichiarato i funzionari.

La mossa contro l’impopolare politica, a lungo attesa da molti residenti e imprese, arriva a più di due anni e mezzo dalla sua attuazione. Le persone potranno andare al lavoro o a scuola, ma non potranno entrare in bar o ristoranti nei primi giorni dopo il loro arrivo.

Il test Pcr pre-volo, richiesto ai viaggiatori che si recano a Hong Kong 48 ore prima del volo, sarà sostituito dal Test Rapido Antigenico.

L’ex colonia britannica è un’eccezione a livello mondiale, al di fuori della Cina, nell’imporre la quarantena in albergo per gli arrivi internazionali, in linea con la politica cinese “zero dinamico” in materia di Covid.

Gruppi imprenditoriali, diplomatici e molti residenti hanno criticato le regole Covid-19 della città, affermando che esse minacciano la competitività di Hong Kong e la sua posizione di centro finanziario globale.

Attualmente tutti gli arrivi internazionali trascorrono tre giorni in un hotel a pagamento, seguiti da quattro giorni di autocontrollo in cui sono autorizzati a muoversi in città.

Ma all’inizio di quest’anno la quarantena in albergo è durata fino a tre settimane prima di essere gradualmente alleggerita, riporta AF.

Le regole hanno pesato sull’economia di Hong Kong dall’inizio del 2020 e hanno alimentato un esodo di espatriati e di famiglie locali che è stato avviato dagli sforzi di Pechino per esercitare un controllo e limitare le libertà.

Secondo i dati del governo, circa 113.000 persone hanno lasciato Hong Kong dalla metà del 2020. Decine di voli hanno smesso di operare da e per Hong Kong, che un tempo era uno degli aeroporti più trafficati ed efficienti del mondo.

La città ha perso la sua posizione di hub mondiale dell’aviazione a causa della politica cinese dello zero-Covid, ha dichiarato questa settimana il capo del gruppo di compagnie aeree IATA.

Numerosi eventi sono stati cancellati o rinviati, anche se Hong Kong ha in programma di ospitare un’importante conferenza finanziaria e il torneo internazionale di rugby a sette a novembre. Entrambi gli eventi sono stati ampiamente considerati come un tentativo di dimostrare che Hong Kong può riprendere le sue attività normalmente.

L’hub finanziario rivale Singapore sta ospitando questo mese una serie di conferenze di alto profilo che hanno visto un boom di affari per alberghi e ristoranti, mentre Taiwan e il Giappone hanno annunciato questa settimana un allentamento delle restrizioni Covid-19 per i viaggiatori internazionali che entreranno in vigore a ottobre.

Dall’inizio della pandemia, Hong Kong ha registrato più di 1,7 milioni di infezioni da Covid e 9.934 decessi.

Lucia Giannini