HONDURAS. Il caro carburante uccide l’economia

160

Il caro carburante ha scatenato l’ira degli operatori del trasporto su gomma in Honduras e, nonostante vi siano segni di distensione con relativo ritorno al lavoro di bus e taxi venerdì, mentre i colloqui continuano, i tassisti e gli autisti dei bus lamentano una certa ottusità delle autorità, il che rischia di riportare al blocco totale delle città. 

L’associazione nazionale dei trasporti dell’Honduras ha annunciato che avrebbe sospeso temporaneamente lo sciopero venerdì sera, dopo due giorni di blocco delle strade per chiedere una riduzione dei prezzi del carburante.

I conducenti di autobus e taxi in Honduras hanno bloccato le strade a Tegucigalpa e in altre province giovedì e venerdì. La loro richiesta iniziale era un aumento delle tariffe per tenere il passo con la manutenzione e i prezzi del carburante, ma questo è stato respinto dal pubblico.

L’emittente telesurt è scesa nelle vie dello sciopero e ha intervistato i tassisti che hanno detto: «Una riduzione di prezzo di 23 lempira sarebbe vantaggiosa per tutti noi: tutti dovrebbero capirlo».

«Abbiamo presentato una proposta e i rappresentanti del governo la stanno analizzando», ha detto Marvin Galo, presidente del Consiglio Nazionale dei Trasporti (CNT). «Ci ritroveremo per ascoltare la loro controproposta».

Dopo i negoziati iniziali con il governo, in cui sono stati offerti loro un aumento del prezzo di una lempira (0,04 dollari) e una piccola sovvenzione da parte del ministro dei Trasporti Carlos Madero, la CNT ha cambiato la sua domanda di una riduzione di 0,95 dollari (23 lempira) del prezzo di un gallone di carburante.

I blocchi dei giorni scorsi hanno costretto le scuole e le altre istituzioni a sospendere le attività nella giornata di giovedì e in alcune aree anche venerdì, con gli studenti e il personale non in grado di raggiungere le loro destinazioni.

La maggior parte delle proteste sono state pacifiche, ma alcuni hanno bruciato pneumatici e veicoli, spingendo la polizia antisommossa a sparare gas lacrimogeni.

Secondo il Consiglio honduregno dell’Impresa Privata (COHEP), lo sciopero e il blocco hanno causato perdite per circa 174.787,20 dollari (4,2 milioni di lempra).

A bloccare lo sciopero, il fatto che molti lavoratori in Honduras vengono pagati alla giornata e se c’è il blocco dei mezzi non possono andare a lavorare: «Chiediamo sia ai rappresentanti del governo che al settore dei trasporti di trovare una soluzione che vada a beneficio della popolazione in generale», ha dichiarato Armando Urtecho, direttore del COHEP. «Queste misure danneggiano i lavoratori che sono retribuiti di giorno, perché sono i più colpiti».

Il CNT ha annunciato che se non si raggiunge un accordo entro Venerdì, avrebbero continuato le normali attività durante il fine settimana e avrebbero ripreso il loro sciopero lunedì alle 5, ora locale.

Maddalena Ingrao