Hajj a rischio causa Mers

72

REGNO UNITO – Londra 26/04/2014. L’Association of British Hujjaj UK, un’organizzazione che organizza i pellegrinaggi musulmani alla Mecca, ha espresso la sua “profonda preoccupazione” per la diffusione del Mers- Coronavirus in Arabia Saudita.

Un recente incrementi dei casi sauditi ha creato particolare concerno in quanto Riad prevede un grande afflusso di pellegrini da tutto il mondo nel mese di luglio durante il Ramadan, seguito poi all’inizio di ottobre dall’arrivo di milioni di persone per l’ annuale Hajj alla Mecca e Medina.
L’organizzazione ha pubblicato un allarme per i pellegrini che sarebbero ad “alto rischio” contagio proprio a causa della loro vicinanza con milioni di persone provenienti da tutto il mondo durante il pellegrinaggio alla Mecca.
L’organizzazione ha sostenuto la decisione delle autorità saudite di chiedere ai pellegrini con condizioni di salute precarie, come i malati cronici, i cardiopatici, quelli afflitti da malattie nefritiche, da malattie respiratorie e da diabete , così come i bambini e le donne in gravidanza a rinviare l’Haj quest’anno, proprio per combattere la diffusione del Coronavirus.
Il comunicato inoltre recita: «Non è solo vitale per la propria sicurezza, ma anche per eliminare il rischio della diffusione di questa malattia contagiose e mortale, nel loro paese al loro ritorno».
Inoltre vengono sollecitati i paesi musulmani a non sottovalutare il pericolo e a fare tutto il possibile per evitarne la diffusione. L’Arabia Saudita aveva annunciato il 23 aprile di aver scoperto altri 11 casi di Mers, tra cui quello che sembrava essere il primo caso alla Mecca (AGC: Dopo l’aviaria la cammellaria?  e Nuovi 11 casi di Mers).
Un comunicato del ministero della salute saudita si legge che otto persone erano in terapia intensiva e che tre delle persone colpite erano operatori sanitari.
Sempre in Arabia Saudita, si sta assistendo ad un incremento nei casi registrati a Jeddah , la seconda città del regno, portando così il numero totale di casi confermati a 272, dei quali 81 deceduti. La Mers è esplosa in Medio Oriente nel 2012 ed è della stessa famiglia del virus Sars, che ha ucciso circa 800 persone in tutto il mondo dopo la prima apparizione in Cina nel 2002.

© RIPRODUZIONE RISERVATA