HAITI. I francesi scappano e si aggrava la crisi politica

28

Le bande criminali hanno aumentato la presa su Port-au-Prince, sprofondando ulteriormente la capitale del paese nel caos e nella miseria, dopo l’intensificarsi degli scontri iniziato lunedì.

È passato quasi un mese da quando gruppi armati hanno iniziato ad attaccare tutti i tipi di strutture, comprese scuole, prigioni, magazzini di cibo e forniture mediche delle Nazioni Unite, nonché il più grande ospedale pubblico del paese e il principale aeroporto internazionale, che rimane chiuso.

“La violenza e l’instabilità ad Haiti hanno conseguenze che vanno ben oltre il rischio della violenza stessa”, ha affermato in una nota il direttore esecutivo dell’Unicef, Catherine Russell. “La situazione sta creando una crisi sanitaria e nutrizionale infantile che potrebbe costare la vita a innumerevoli bambini”.

“Questa crisi di malnutrizione è totalmente provocata dall’uomo”, ha insistito. Secondo l’Unicef, quest’anno il numero di bambini che si stima soffrano di malnutrizione acuta grave ad Haiti è aumentato del 19%. Oltre a ciò, circa 1,64 milioni di persone sono sull’orlo della fame.

La violenza ha anche impedito ai gruppi umanitari di portare aiuti umanitari. Secondo l’Unicef, solo due dei cinque ospedali di Haiti sono funzionanti. Inoltre, la violenza a Port-au-Prince ha impedito la distribuzione di aiuti sanitari e nutrizionali ad almeno 58.000 bambini gravemente malnutriti, ha affermato l’agenzia.

Nel frattempo, il blocco caraibico Caricom ha chiesto di accelerare la formazione di un consiglio presidenziale transitorio composto da 9 membri che nominerebbe un primo ministro e aprirebbe la strada alle elezioni presidenziali. Il primo ministro Ariel Henry ha detto che si dimetterà una volta creato il consiglio.

In questo scenario, René Jean Jumeau, nominato per rappresentare il settore religioso di Haiti in una posizione che non avrebbe diritto di voto all’interno del consiglio, si è già dimesso. “La necessità di azioni concrete è troppo grande per rimanere passivo come se fossi uno spettatore”, ha detto nella sua lettera di dimissioni.

Inoltre, l’ex colonnello dell’esercito haitiano Himmler Rébu, che presiede il Grande Movimento per la Rivoluzione Haitiana, un partito che ha ottenuto un seggio nel consiglio, ha previsto in un’intervista radiofonica che un tale organismo non sarebbe riuscito a raggiungere i suoi obiettivi e ha insistito affinché i funzionari si muovessero rapidamente al Piano B, che comporterebbe il conferimento del potere a un magistrato della Corte Suprema di Haiti di selezionare i nuovi leader del paese.

Tra i sostenitori di questo piano c’è la Federazione protestante di Haiti, che lunedì ha rilasciato una dichiarazione a favore della selezione di un magistrato della Corte Suprema che fungerà da presidente ad interim e aiuterà a scegliere un primo ministro.

In mezzo a crescenti incertezze e difficoltà, la Francia ha evacuato circa 240 persone dal paese devastato dalla violenza. “Più di 170 cittadini francesi e circa 70 persone di nazionalità europea e di altre nazionalità in situazione di vulnerabilità” sono stati trasportati in aereo, si legge in una nota del Ministero degli Esteri a Parigi. Sono stati tutti portati a Fort-de-France, nel territorio francese d’oltremare della Martinica, ha aggiunto.

Secondo il Ministero degli Esteri, ad Haiti vivono circa 1.100 cittadini francesi, molti dei quali hanno la doppia nazionalità.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/