GUINEA. Dopo il golpe, volano i prezzi del metallo

82

I prezzi per l’alluminio hanno subito un’impennata dopo la notizia del colpo di stato in Guinea, il quale ha fatto temere lo stop della fornitura di bauxite, la materia prima utilizzata per produrre il metallo.

Come riporta Reuters, il prezzo del metallo, in rialzo del 39% da gennaio, ha aggiornato il record al London Metal Exchange (Lme), arrivando a 2.782 dollari per tonnellata nel primo giorno in cui la borsa londinese ha riaperto dopo la chiusura legata a Covid-19.

I prezzi per il minerale di alluminio da bauxite dalla Guinea hanno toccato il loro punto più alto in quasi 18 mesi. La cacciata del presidente della Guinea Alpha Conde da parte di un’unità dell’esercito ha anche portato all’aumento delle azioni dei produttori di alluminio Norsk Hydro e Rusal.

I disordini, tuttavia, non hanno avuto alcun impatto immediato sulle operazioni di estrazione della bauxite, temuto dagli analisti e che sono fondamentali per l’economia della Guinea come principale fonte di valuta estera.

Il paese ha prodotto 88 milioni di tonnellate di bauxite l’anno scorso, secondo le statistiche del ministero delle Miniere.

«È altamente improbabile che il colpo di stato abbia un grande impatto a breve termine sulle esportazioni, che sono sempre nella parte più bassa del ciclo a settembre, con le scorte esaurite man mano che la stagione delle piogge volge al termine», ha detto lo specialista dell’industria della bauxite della Guinea Bob Adam, «Qualsiasi governo entrante vorrà assicurarsi di non mettere in pericolo i guadagni e gli investimenti futuri».

Al momento non si segnalano blocchi delle forniture che potrebbero potenzialmente bloccare settori vitali come l’aerospace, il comparto degli imballaggi, l’edilizia e l’automotive. È però evidente come ci sia necessità di produrre alluminio vista la domanda in ripresa nel post-covid: nel primo semestre 2021 è stata del 10,5% più alta che nel 2020.

La Guinea è il secondo più grande produttore al mondo della materia prima che viene raffinata in allumina, una sostanza usata per fare il metallo alluminio, ed è il primo fornitore della Cina.

Salvatore Nicoletta