GUERRADELGAS. Il finto tetto massimo del costo del gas russo

125

Il governo della Federazione Russa adotterà presto un decreto che vieterà alle compagnie petrolifere russe di includere riferimenti al prezzo massimo del petrolio nei contratti di esportazione.

Lo riporta Kommersant il 23 gennaio, citando fonti a conoscenza della bozza di risoluzione preparata dal ministero dell’Energia della Federazione Russa. Il documento presuppone che le persone giuridiche e le persone fisiche russe che forniscono petrolio per l’esportazione non solo saranno obbligate a non consentire la presenza di una clausola di limitazione del prezzo nei contratti, ma anche a monitorare il rispetto da parte degli acquirenti stranieri, compresi commercianti e agenti, del rispetto di tale requisito in caso di ulteriore rivendita di petrolio russo. Se il monitoraggio rivela casi di contratti con un prezzo massimo, le aziende devono notificare il Servizio doganale federale e il ministero dell’Energia della Federazione Russa entro 5 giorni lavorativi.

L’effettivo controllo sul rispetto dei requisiti del decreto presidenziale sarà esercitato dall’Autorità doganale. Gli esportatori russi dovranno inviare elettronicamente contratti e documenti al servizio, in base ai quali viene determinato il prezzo delle merci, nonché una dichiarazione scritta che non vi sono riferimenti al prezzo massimo nei contratti. In caso di violazioni, il servizio doganale federale vieterà il trasporto di materie prime notificando le ferrovie russe e Transneft.

Secondo il progetto di risoluzione del governo della Federazione Russa, entro il 1 aprile 2023, il ministero dell’Energia deve concordare con il ministero delle Finanze la procedura per il monitoraggio dei prezzi all’esportazione del petrolio russo. Si presume che il Ministero dell’Energia su base mensile richieda informazioni agli esportatori sui termini dei loro contratti (compresi gli acquirenti, i prezzi e le indicazioni delle spedizioni effettive, nonché le condizioni del trasporto e dell’assicurazione del carico). Sulla base di questi dati, il Ministero dell’Energia della Federazione Russa preparerà rapporti trimestrali per il gruppo di lavoro interdipartimentale sul complesso dei combustibili e dell’energia.

Il meccanismo dei prezzi marginali è implementato vietando la fornitura di servizi, incluse le assicurazione relativa al trasporto marittimo di petrolio e prodotti petroliferi russi verso paesi terzi, se acquistati a un prezzo superiore al prezzo marginale stabilito. Il massimale di prezzo è stato concordato a 60 dollari/bbl. rivisto ogni 2 mesi (quindi revisione prevista a marzo) per garantire che il price cap sia mantenuto almeno il 5% al di sotto del prezzo medio di mercato. Il prossimo passo sarà l’introduzione di un tetto di prezzo simile per i prodotti petroliferi russi a partire dal 5 febbraio 2023 , in contemporanea con l’embargo dell’Ue.

 A livello di G7 e Ue si sta discutendo l’introduzione di 2 massimali: uno per i prodotti petroliferi scambiati a premio, l’altro per quelli scambiati a sconto. Il 27 dicembre 2022, il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha firmato un decreto sul controtetto dei prezzi, riguardante sia la fornitura di petrolio che di prodotti petroliferi. Il decreto vieta la fornitura di petrolio e prodotti petroliferi russi a persone giuridiche e persone fisiche straniere, a condizione che i contratti per tali forniture prevedano direttamente o indirettamente l’utilizzo di un meccanismo di price cap.

Il divieto stabilito si applica in tutte le fasi della fornitura all’acquirente finale, in virtù del divieto di fornitura di petrolio russo entro il prezzo massimo dal 1° febbraio ed è valido fino al 1° luglio 2023 con possibilità di proroga. Il divieto di fornitura di prodotti petroliferi russi si applica dalla data determinata dal governo della Federazione Russa, ma non prima della data di entrata in vigore del decreto firmato.

Il 29 dicembre 2022, il vice primo Ministro della Federazione Russa Alexander Novak aveva annunciato la pubblicazione della procedura per l’osservanza e l’attuazione del decreto presidenziale subito dopo le vacanze di Capodanno, ma la procedura non sarebbe stata ancora emanata.

In un incontro con Vladimir Putin l’11 gennaio 2023, Alexander Novak ha definito lo sconto elevato uno dei principali problemi che deve affrontare il settore petrolifero russo. Il 10 gennaio, il ministero dell’Energia russo ha annunciato che avrebbe monitorato i prezzi e gli sconti per il petrolio russo e potrebbe introdurre ulteriori misure per limitare lo sconto a limiti basati sui prezzi di mercato.

Sempre secondo Kommersant, gli acquirenti stranieri possono essere monitorati se il commerciante straniero è in qualche modo controllato dalla compagnia petrolifera russa.

Quando si rivende il petrolio, è praticamente impossibile garantire il controllo da parte dello Stato, le funzioni di agenzia per garantire i requisiti del decreto sono assegnate, infatti, alle compagnie petrolifere russe. Le parti del contratto possono concordare un prezzo entro il massimale senza stabilire formalmente nel contratto che utilizzano un meccanismo di fissazione dei prezzi.

Il Tesoro degli Stati Uniti richiede a tutti i partecipanti alle transazioni con il petrolio russo di confermare che tali transazioni sono state effettuate entro il massimale, ma non deve essere fissato nel contratto, è sufficiente disporre di documenti di pagamento che attestino che il lotto di petrolio è stato venduto ad un prezzo non superiore al prezzo del plafond. A sua volta, il governo della Federazione Russa richiede solo assicurazioni dagli esportatori che non vendano petrolio al tetto.

Tuttavia, il ministero dell’Energia della Federazione Russa sta ricevendo uno strumento per il monitoraggio dei prezzi, che può essere potenzialmente utilizzato per introdurre una regolamentazione più rigorosa, inclusa in relazione a singole società, ad esempio, se risulta che i prezzi all’esportazione di diverse società differiscono in modo significativo.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/