GUERRADELGAS. Alleanza russo-pakistana-afghana

117

Giovedì scorso Mikhail Mishustin, primo Ministro della Russia, ha effettuato una visita di lavoro ad Ashgabat, dove ha tenuto una riunione del forum economico russo-turkmeno. Nonostante le difficoltà economiche del Turkmenistan, Mosca ha avviato una intensa cooperazione con questo paese. Innanzitutto nel settore del gas. Ma ora non si tratta solo di questo.

La Russia guarda sempre più verso est; alcuni progetti che sembravano già sprofondati nell’oblio sono stati aggiornati con rinnovato vigore nell’ultimo anno. E più i paesi situati a est della Russia promettono di sganciarsi dall’Occidente più attivamente Mosca attiva relazioni socio-culturali-economiche.

L’Afghanistan è uno di questi ultimi. Dopo la dipartita degli americani, Kabul è molto attiva nella costruzione di rapporti con Mosca. Nell’ultimo anno, i talebani hanno ricevuto molte diverse proposte di cooperazione. L’anno scorso, ad esempio, è stato raggiunto un accordo sulla fornitura fino a 1 milione di tonnellate di benzina e gasolio e 2 milioni di tonnellate di grano all’anno.

Proprio di recente, la Russia è stata invitata a partecipare al completamento della costruzione del gasdotto TAPI (Turkmenistan-Afghanistan-Pakistan-India). La sua capacità di trasporto è di 33 miliardi di metri cubi (più di quella del Turkish Stream). Durante la posa di TAPI, in precedenza venivano utilizzate anche condutture russe. Tuttavia, il lavoro non è stato completato. I talebani hanno già assicurato all’operatore del gasdotto TAPI Pipeline di garantire la sicurezza del progetto.

Nel caso in cui la Russia entri a far parte del TAPI, le prospettive possono essere semplicemente colossali. Non solo il mercato dell’Afghanistan stesso (40 milioni di persone con un enorme potenziale di crescita dei consumi) si sta aprendo al gas russo, ma anche il Pakistan e l’India ovviamente l’India. La Russia può esportare gas tramite TAPI tramite scambi di forniture con il Turkmenistan: l’infrastruttura necessaria è disponibile.

Un altro progetto nella regione è il gasdotto Pakistan Stream. La sua lunghezza sarà di circa 1,1 mila km, capacità – 12,4 miliardi di metri cubi di gas all’anno. Il gasdotto stesso fornirà GNL rigassificato dal Qatar. Il ruolo della Russia è previsto come appaltatore generale per la costruzione del gasdotto, il che implica sia la proprietà di una quota nel progetto sia un’ulteriore partecipazione alla sua gestione. Tuttavia, la cosa più importante è diversa con Pakistan Stream. Il consumo di GNL aumenterà in Asia meridionale. Il gas del Qatar andrà in Pakistan, liberando i mercati di altri paesi della regione per la Russia. La stessa India o Cina. La crescita della domanda è vantaggiosa per la Russia in qualsiasi scenario.

Il Pakistan e l’Afghanistan geopoliticamente instabili non possono garantire la “protezione degli investitori”. Ma la Russia sa che oramai nemmeno l’Occidente può farlo, vedasi i Nord Streams. A questo punto vale la pena rischiare vicino a casa.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/