GUERRA. Quando gli artisti vanno in guerra

31

In un servizio della BCC vengono presentate le armi che non ti immagini, quelle che cambiano il corso della storia senza sparare un colpo: gli artisti con i loro eserciti fantasma. Per la prima volta, durante la prima e seconda guerra mondiale, gli artisti hanno riformulato la zona di combattimento come un’arena di strategia creativa, facendo un letterale “teatro” di guerra.

Ma andiamo per ordine: a partire dalla Prima guerra mondiale, gli eserciti si resero conto del beneficio della conoscenza dell’illusionismo visivo degli artisti. Nella nuova era della sorveglianza aerea, mimetizzare le truppe era una necessità critica, e con le loro intuizioni su luce, ombra e prospettiva, pittori e scultori avevano il talento giusto per questo lavoro. Per la prima volta, le abilità artistiche divennero un’arma.

Uno dei più importanti artisti in uniforme britannici della Prima guerra mondiale fu Solomon J Solomon – un membro della Royal Academy che aveva studiato sotto il famoso pittore accademico francese Alexandre Cabanel. Nella Grande Guerra, Solomon si unì avidamente alla corsa per un’efficace tattica di occultamento militare e fu inviato sul fronte occidentale. Il suo sviluppo della rete mimetica come metodo di copertura delle trincee divenne enormemente influente, e lavorò su molti altri schemi mimetici tra cui un “albero di osservazione” – un tronco d’albero cavo replicato posto nella terra di nessuno, da cui un osservatore poteva sorvegliare le trincee nemiche. Lo scultore e pittore Leon Underwood – che aveva studiato al Royal College of Art prima della guerra – aiutò nella progettazione e nel montaggio (altamente pericoloso) di questi alberi.

Un altro artista che contribuì allo sforzo bellico nella Prima guerra mondiale fu Norman Wilkinson. Prima della guerra, Wilkinson era stato un artista marittimo piuttosto banale, che aveva prodotto belle arti, così come manifesti e illustrazioni per giornali come The Illustrated London News. Ma il servizio attivo nella Royal Navy spinse le sue idee artistiche in un territorio molto più radicale, e cominciò a lavorare su idee per proteggere le navi dai siluri ostili. Rendendosi conto che le navi da battaglia erano troppo vistose per essere completamente nascoste in alto mare, sviluppò il camuffamento “dazzle”: composizioni di strisce astratte basate su linee prospettiche, progettate per confondere la capacità del nemico di giudicare la velocità e la posizione della nave. I suoi esperimenti furono intrapresi in quattro studi presso la Royal Academy di Londra, dove lavorò con un team di artisti tra cui il vorticista Edward Wadsworth.

Le strategie di occultamento di Solomon, Underwood, Wilkinson e Wadsworth si sarebbero rivelate un’ispirazione cruciale per le operazioni di inganno contro i nazisti nella Seconda guerra mondiale. Tuttavia, la nuova generazione di artisti avrebbe superato i loro predecessori in scala e pura magia. Nel 1942, nella fornace polverosa del deserto del Nord Africa, le forze alleate stavano combattendo una battaglia persa contro l’Asse. Il 16 settembre, due ufficiali britannici furono convocati per una riunione di alto livello a Borg-el-Arab in Egitto. Geoffrey Barkas e Tony Ayrton erano i leader del Middle East Command Camouflage Directorate, un’unità dedicata alle operazioni di inganno e all’occultamento di uomini e attrezzature militari.

Il Direttorio era un collettivo molto insolito: la maggior parte degli uomini sotto il comando di Barkas e Ayrton non erano soldati incalliti, ma ex artisti, scenografi e fumettisti che erano stati reclutati per le loro abilità nel trucco visivo. Un membro era stato un famoso mago in tempo di pace; Ayrton era un ex pittore e Barkas era uno scrittore, produttore e regista cinematografico che aveva vinto un Oscar per un film documentario nel 1936. Dopo brevi presentazioni, gli uomini furono informati del piano top-secret per la seconda battaglia di Alamein. Fu detto loro che si trattava di un assalto che avrebbe potuto cambiare il destino della guerra, e che si prevedeva essere la più grande offensiva nel deserto nella storia del mondo. Poi, con grande stupore di Barkas e Ayrton, fu detto loro che gli era stata affidata la responsabilità della più importante manovra strategica degli Alleati. I due uomini si guardarono: l’alto comando aveva a disposizione decine di navi da guerra, aerei, carri armati e artiglieria – che bisogno potevano avere di un gruppo di artisti senza pretese?

In un’ultima impresa di scenografia, il Camouflage Directorate ha avuto solo 28 giorni per creare un esercito fittizio e camuffarne uno reale alla vista. In precedenza, il Middle East Command Camouflage Directorate si occupava solo di tattiche mimetiche. Sui campi d’aviazione, il terreno era stato dipinto con neri e grigi per simulare le ombre proiettate dalle postazioni di armi per ingannare gli aerei da ricognizione dell’Asse. I tetti degli hangar per aerei erano dipinti con prospettive illusionistiche per farli sembrare abitazioni civili. Esattamente le stesse tecniche, in altre parole, che Wilkinson e Solomon avevano sperimentato. Ma nel settembre 1942, gli alleati avevano bisogno di trucchi più grandi. Erano terrorizzati dalla mobilità, dall’acume tattico e dalla potenza di fuoco dei loro avversari dell’Asse, guidati in Nord Africa dal leggendario Erwin Rommel.

Per vincere, avevano bisogno di prendere i loro nemici tedeschi e italiani di sorpresa, facendo loro credere che l’attacco sarebbe arrivato molto più tardi e da una direzione diversa da quella prevista. Per fare questo, legioni massicce di carri armati dovevano essere portate in posizione vicino al nemico ma nascoste alla vista a nord del teatro di battaglia, e si doveva creare un esercito esca di 600 veicoli militari completamente falsi che avrebbero fatto temere alle forze dell’Asse un attacco altrettanto formidabile da sud. In un’ultima impresa di scenografia, Barkas, Ayrton e la Direzione del Camouflage ebbero solo 28 giorni di tempo per creare un esercito fittizio e nascondere alla vista quello reale. L’esercito fittizio della zona meridionale fu creato con carri armati fasulli e finti depositi di cibo, silos di munizioni e contenitori di petrolio, tutti realizzati con scatole e fronde di palma coperte da teloni. Fu costruita anche un’enorme tubatura d’acqua falsa, il tutto fatto per sembrare vero agli aerei da ricognizione tedeschi che prendevano nota dello sviluppo dall’alto.

Alle impreparate forze dell’Asse sembrò che un intero esercito fosse apparso sulla soglia di casa loro dal nulla. Nella sezione settentrionale, i veri carri armati avevano compartimenti di legno appositamente montati soprannominati “parasole” imbullonati alla loro metà superiore per farli sembrare dei normali camion. I pezzi di artiglieria erano coperti in modo simile. Una volta in posizione e immediatamente prima dell’inizio del combattimento, le coperture venivano rimosse e – così sembrava alle impreparate forze dell’Asse – un intero esercito era apparso dal nulla sulla soglia di casa loro. I trucchi funzionarono: dopo uno scontro mortale su larga scala gli Alleati sconfissero decisamente le forze di Rommel. Dopo la battaglia, un generale tedesco ammise che erano stati completamente ingannati dalla tempistica e dalla strategia dell’assalto alleato. Gli artisti avevano trionfato.

Questi ingegnosi stratagemmi furono d’ispirazione per un reggimento militare statunitense formato più tardi nella Seconda guerra mondiale. Il 23rd Headquarters Special Troops, meglio conosciuto come “Ghost Army”, era composto da più di 1.000 uomini, e utilizzato in Europa all’indomani del D Day. Il suo obiettivo era quello di ingannare i tedeschi facendogli credere che forze superiori fino a 30.000 truppe extra stavano minacciando le loro linee, portandoli così a ridispiegare le truppe in luoghi favorevoli agli Alleati. Come il Middle East Command Camouflage Directorate, la Ghost Army aveva reclutato molti architetti, designer, creativi pubblicitari e artisti accanto a soldati regolari e ingegneri.

Membri famosi della Ghost Army includevano il fotografo Art Kane, lo stilista Bill Blass e il pittore Ellsworth Kelly. Durante la sua vita tra il 1944 e il 1945, creò 22 operazioni di inganno per fuorviare i tedeschi – e si rivelò cruciale nel trionfo finale degli Alleati su Adolf Hitler. L’esercito fantasma ha usato una serie di tecniche di depistaggio. Il falso equipaggiamento militare includeva centinaia di carri armati gonfiabili che sembravano da lontano esattamente come quelli veri, e che ingannavano con successo la ricognizione aerea tedesca. Un’altra squadra era responsabile del traffico radio fasullo, destinato ad essere captato dai nazisti. Un set di altoparlanti mobili pompava i suoni dei movimenti delle truppe e dei grandi progetti di ingegneria come la costruzione di ponti. I membri dell’Esercito Fantasma lavoravano anche come attori, indossando le uniformi dei diversi reggimenti e mescolandosi nelle città locali, lasciando intendere i movimenti delle truppe nella speranza che le spie locali li raccogliessero.

Dopo la fine della guerra, l’Esercito Fantasma fu vincolato alla segretezza, e i racconti della loro elaborata messa in scena rimasero ufficialmente riservati fino al 1996. Le storie dei camuffatori della Prima guerra mondiale, del Middle East Camouflage Directorate e della “Ghost Army” statunitense rivelano una nuova direzione nella storia dell’illusionismo nell’arte. Anche se gli artisti erano stati usati occasionalmente dai militari prima del XX secolo (per esempio nel registrare la topografia delle posizioni del nemico) la guerra moderna aveva coinvolto i trucchi visivi degli artisti in un modo totalmente originale. Il loro lavoro di depistaggio strategico è stato fondamentale per lo sforzo bellico complessivo, ricordandoci che l’inganno, come Sun Tzu ha saggiamente osservato nel V secolo a.C. in Cina, è sempre l’elemento chiave dell'”Arte della Guerra”.

Graziella Giangiulio