GUERRA FUTURA. Mancano le munizioni un po’ a tutti in Ucraina

370

La diffusa carenza di munizioni ha colto di sorpresa tutti gli attori: la guerra in Ucraina sta consumando le scorte di munizioni disponibili a un ritmo enorme. Solo i russi starebbero sparando 20.000 colpi di artiglieria al giorno. E, anche se non abbiamo numeri affidabili da parte ucraina, stanno usando i loro cannoni così pesantemente che centinaia di essi sono stati inviati in Polonia e altrove per riparazioni urgenti.

La maggior parte degli attori della Nato è a corto di munizioni, o quasi. Il ministero della Difesa tedesco ha dichiarato che potrebbe combattere una guerra solo per una settimana circa a causa delle carenze di rifornimenti e di uomini, mentre i più informati affermano che il limite è più vicino ai due giorni, riporta AT.

La Germania ha delocalizzato parti importanti della produzione di munizioni, soprattutto in Svizzera. Gli svizzeri, a causa delle loro leggi sulla neutralità, non spediranno alcuna munizione (direttamente o indirettamente) all’Ucraina. I tedeschi lo hanno chiesto ai massimi livelli almeno due volte, ma i legislatori svizzeri, compresi quelli di destra che sostengono l’Ucraina, sono favorevoli a proteggere la neutralità svizzera, con un grande impatto sulle forniture a Kiev.

Anche i tedeschi hanno problemi nella loro produzione perché dipendono da linters di cotone specializzati che acquistano esclusivamente dalla Cina per essere utilizzati come componenti per le cariche propulsive dei proiettili di artiglieria. Non è che la Cina non voglia spedire alla Germania. Piuttosto, le esportazioni cinesi sono state interrotte dalle chiusure del Covid e i tedeschi devono aspettare che la fornitura raggiunga il loro fabbisogno.

Ma la Germania non raggiungerà i propri obiettivi di spesa o di produzione nel settore della difesa che è ancora ben al di sotto della soglia concordata dalla Nato del 2% del Pil. E la Germania non sta raggiungendo nemmeno i suoi modesti obiettivi in termini di uomini perché la paga non è buona e si possono trovare lavori migliori.

Anche la Russia sta esaurendo alcune munizioni, ma si tratta soprattutto di quelle più sofisticate, tra cui razzi guidati e missili da crociera.

Il Presidente russo Vladimir Putin sta spingendo l’industria della difesa ad aumentare la produzione, ma ci sono diversi ostacoli. Come i Paesi Nato, la Russia dipende dalle industrie civili ad alta tecnologia per la fornitura di componenti fondamentali per computer, sistemi di guida, fusibili e sensori.

Le sanzioni hanno avuto un impatto sulla capacità della Russia di ottenere parti elettroniche e di altro tipo dall’esterno. La Russia sta anche cercando di ottenere armi e munizioni dall’esterno e forse ci sta riuscendo. Sicuramente l’Iran sta fornendo droni e alcuni missili ed è probabile, anche se non provato, che anche la Corea del Nord venda alla Russia.

Come la Germania e altri Paesi Alleati, gli Stati Uniti hanno notevoli problemi di approvvigionamento di munizioni che rientrano in due categorie: armi intelligenti e munizioni standard.

La carenza di armi intelligenti è dovuta al fatto che gli Stati Uniti hanno utilizzato le loro scorte belliche critiche per rifornire l’Ucraina, cosa che il Pentagono non aveva previsto. Così armi famose come i missili portatili Stinger e i razzi anticarro Javelin sono quasi esaurite.

Il Pentagono sta investendo denaro per produrne altri, anche se aveva pianificato di sostituire lo Stinger, con un nuovo missile portatile con un migliore rilevamento delle minacce, una maggiore gittata e una maggiore precisione.

Anche uno dei sistemi più recenti del Pentagono, il Nasams, sistema missilistico antiaereo mobile, è stato inviato in Ucraina. Il Nasams prende il missile aria-aria AIM-120 Amraam e lo trasforma in un missile terra-aria collegandolo ai radar di terra. L’AIM-120 è il principale missile aria-aria degli Stati Uniti per gli aerei da combattimento, e gli AIM-120 sono stati esportati ad alleati e amici in tutto il mondo.

Tuttavia, quando si iniziano a smantellare le scorte di missili aria-aria per supportare i Nasams, si apre una grande vulnerabilità, perché gli AIM-120 richiedono un tempo considerevole per essere sostituiti e gli Stati Uniti hanno pregato i clienti degli AIM-120 di fornire gli AIM in stock all’Ucraina. Molti sono riluttanti a farlo per lo stesso motivo per cui l’Aeronautica, la Marina e il Corpo dei Marines statunitensi sono riluttanti a separarsi dalle loro scorte di AIM-120.

Gli Stati Uniti sono a corto di munizioni convenzionali, in particolare di proiettili d’artiglieria da 155 mm che costituiscono la spina dorsale non solo della capacità d’artiglieria dell’Ucraina, ma anche dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico.

L’Amministrazione Biden ha deciso di aumentare la produzione nazionale e di acquistare proiettili dall’estero. Il Pentagono ha recentemente concluso un accordo per 100.000 proiettili da 155 mm provenienti dalla Corea del Sud. Le forniture saranno spedite negli Stati Uniti e gli Stati Uniti potranno poi fornirle all’Ucraina.

Ma l’accordo potrebbe ancora fallire, dato che la Corea del Sud si trova a combattere con due obiettivi contrastanti: non fornire armi all’Ucraina e crescere fino a diventare il quarto esportatore di armi al mondo.

È chiaro che il Pentagono sta pianificando un lungo conflitto e pensa di poter vincere essendo l'”arsenale della democrazia”, come per la Seconda guerra mondiale. Ma oggi gli Stati Uniti non sono affatto vicini a diventarlo: l’industria della difesa statunitense è a malapena cresciuta.

Come la Russia, anche gli Stati Uniti hanno un problema di approvvigionamento estero. Oggi i semiconduttori di fascia alta e i materiali specializzati, comprese le terre rare, provengono soprattutto dall’Asia, in particolare da Taiwan e dalla Cina. Questi “problemi di catena di approvvigionamento” hanno avuto un impatto sulla produzione della difesa, in quanto i fornitori attendono i pezzi chiave.

Anche i pezzi forgiati e fusi e i materiali speciali come il titanio sono difficili da reperire in tempo utile.

Se i combattimenti in Ucraina dovessero diventare più intensi nel futuro, i problemi di approvvigionamento del Pentagono potrebbero diventare grossi problemi. Lo stesso dicasi per la Russia.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/