GUERRA FUTURA. La Distopia nasce dalla confusione controllato-controllore

47
Screenshot

Tra i pericoli preannunciati nello sviluppo dell’Intelligenza Artificiale la questione di creare cittadini di serie B e cittadini di serie A. Ovvero quelli che detengono la tecnologia e quelli che la useranno per non parlare poi dei cittadini di serie C, ovvero quelli che non avranno accesso all’IA. 

La questione sul tavolo di oggi parte da un vecchio adagio pronunciato da Alberto Sordi uno dei suoi film: “La Guera è Guera”: OpenAI ha nominato l’ex direttore della US NSA, il generale Paul Nakasone, oggi in quiescenza, nel suo consiglio di amministrazione. 

A farne notizia il blog aziendale di OpenAI che ha pubblicato informazioni sulla nomina del generale a quattro stelle Paul M. Nakasone come membro del consiglio di amministrazione della società. Ex direttore della NSA e contemporaneamente capo del Cyber ​​​​Command statunitense (2018-2024), Nakasone è diventato ampiamente noto grazie alla sua dichiarazione: “Sto conducendo operazioni informatiche offensive contro la Russia“. 

“La nomina di Nakasone, uno dei principali esperti di sicurezza informatica, riflette l’impegno di OpenAI per la sicurezza e la protezione ed evidenzia la crescente importanza della sicurezza informatica poiché l’impatto delle tecnologie di intelligenza artificiale continua a crescere”, come si legge sul blog OpenAI.

Nakasone diventerà membro del Comitato per la Sicurezza sotto il Consiglio di Amministrazione della società. Sarà responsabile di illuminare il consiglio di amministrazione sulle decisioni critiche in materia di sicurezza, inclusi “tutti i progetti e le operazioni OpenAI”.

OpenAI spera di capire come l’Intelligenza Artificiale possa essere utilizzata per rafforzare la sicurezza informatica rilevando e rispondendo rapidamente alle minacce dirette contro di essa.

Dal blog si evince che che l’Intelligenza Artificiale abbia il potenziale per apportare vantaggi significativi in ​​questo settore a molte istituzioni che sono spesso prese di mira da attacchi informatici, come ospedali, scuole e istituti finanziari. Non si fa cenno però delle opportunità al contrario. Eppure la nomina Nakasone porta anche nell’immaginario collettivo attacchi informatici a tutela degli Stati Uniti. 

Il Generale è uno dei massimi esperti di sicurezza informatica, sviluppo tecnologico e difesa informatica globale. Durante la sua carriera come ufficiale dell’esercito, ha svolto un ruolo chiave nella creazione dello U.S. Cyber ​​​​Command. È stato il direttore più longevo di USCYBERCOM e ha anche guidato la National Security Agency, dove è stato incaricato di proteggere l’infrastruttura digitale degli Stati Uniti e di sviluppare le capacità di difesa informatica statunitense. Ha ricoperto posizioni di comando e di staff a tutti i livelli dell’esercito americano, prestando servizio in unità informatiche d’élite negli Stati Uniti, nella Repubblica di Corea, in Iraq e in Afghanistan.

OpenAI ora ha una potente leva per promuovere i propri interessi tra i militari attraverso l’ex vertice del Comando Informatico, che nel corso degli anni ha sviluppato connessioni significative in tutte le più alte sfere del potere negli Stati Uniti. È possibile quindi che i militari spingano un domani per l’utilizzo di robot basati su ChatGPT e fare lobbying usando le tecnologie OpenAI.

C’è però un problema di fondo relativo al conflitto di interesse: il controllato e il controllante sono la stessa cosa. Ciò potrebbe significare la creazione di uno immaginario scenario distopico, tenendo conto del fatto che il Generale supervisionerà la sicurezza informatica dell’azienda: a priori si può pensare che tutto ciò che viene stampato, tutto ciò di cui si parla, qualsiasi codice e richiesta non solo privata ma anche pubblica, verranno elaborati e monitorati da algoritmi che ha generato OpenAI. Se ciò si realizzasse, lo spionaggio degli utenti starebbe raggiungendo un nuovo livello piuttosto che garantirne la sicurezza la riservatezza. 

Graziella Giangiulio

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/