GUERRA FREDDA. Competizione commerciale sui caccia di Quinta Generazione

131

Cina, Russia e Stati Uniti sono in competizione per esportare i loro rispettivi jet da combattimento di quinta generazione, nella rinascente Guerra Fredda. I caccia di quinta generazione, vale a dire i cinesi J-20 e FC-31, i russi Su-57 e Su-75, e gli americani F-22 e F-35, offrono diversi vantaggi rispetto ai loro predecessori di quarta generazione e sono quindi molto richiesti a livello globale.

La Cina mira in futuro ad esportare il suo FC-31, anche se ha faticato a vendere i suoi jet da combattimento al di fuori di un piccolo gruppo di stati clienti tra cui Pakistan, Bangladesh, Myanmar, Corea del Nord e alcuni paesi africani, riporta AT.

La Russia ha ventilato l’idea di esportare il suo Su-57, ed è entrata in trattative con gli Emirati Arabi Uniti per co-produrre il più avanzato Su-75. Al contrario, gli Stati Uniti hanno esportato con successo l’F-35, con 14 paesi che ora usano il jet da combattimento e più di 10 paesi coinvolti nella sua produzione.

Significativamente, questi caccia di quinta generazione sono tutti progettati secondo le diverse dottrine di difesa aerea dei rispettivi produttori. Potenze continentali come la Cina e la Russia enfatizzano la difesa aerea a terra, con i loro caccia strettamente integrati nelle loro reti di difesa aerea. Al contrario, le potenze di spedizione come gli Stati Uniti enfatizzano le capacità di attacco a lungo raggio e la capacità di penetrare in spazi aerei pesantemente difesi.

La Cina sta cercando di espandere questa premessa tradizionale, integrando la potenza aerea in operazioni congiunte offensive, così come in operazioni difensive per le infrastrutture critiche e per proteggere le operazioni terrestri e navali.

In questo senso, la Cina vede la potenza aerea come integrata con altre armi da combattimento. Inoltre, la Cina enfatizza le operazioni aria-superficie, in quanto sono considerate più efficaci, meno costose e meno reattive rispetto alle operazioni aria-aria. Dato visibile nel design del caccia stealth cinese J-20, che si pensa sia ottimizzato per attacchi a lungo raggio in ambienti complessi di difesa aerea. Tra le sue possibili missioni ci sono l’intercettazione a lungo raggio, l’attacco di superficie e gli attacchi marittimi, tutti potenzialmente cruciali in qualsiasi futuro conflitto nel Mar Cinese Meridionale. Il J-20 può anche condurre attacchi lontano dalle basi aeree della Cina continentale prima di ritirarsi nella sicurezza della rete di difesa aerea cinese.

La dottrina di difesa aerea della Russia segue un approccio a tre livelli, con un sistema a strati che crea una zona anti-accesso/diffusione, A2/AD. Si basa molto sui missili terra-aria, con batterie a lungo e medio raggio che forniscono la negazione dell’aria ad alte e medie altitudini, mentre i sistemi missilistici stessi sono protetti da sistemi di difesa puntuale a corto raggio basati su armi o missili.

I caccia russi di quinta generazione sono integrati in questa rete di difesa aerea stratificata per dare la caccia agli aerei ostili che cercano di distruggere le difese aeree basate a terra e riempire le lacune nella copertura radar. Questo significa che i jet russi di quinta generazione enfatizzano il combattimento aria-aria.

La dottrina statunitense, nel frattempo, enfatizza le operazioni congiunte in tutti i domini in cui la potenza aerea aggira le limitazioni geografiche, colpendo con precisione le vulnerabilità critiche all’interno dei centri di gravità nemici a lunga distanza, con breve preavviso e per periodi prolungati.

Nella dottrina statunitense, il potere aereo permette il controllo delle operazioni a suo favore, essendo impiegato di concerto con tutte le forme di potere militare e integrato in più domini. Questo si vede nella preferenza degli Stati Uniti per una singola piattaforma che è progettata per svolgere una moltitudine di ruoli. L’F-35 esemplifica questa filosofia, con molteplici varianti per l’Aeronautica, la Marina e il Corpo dei Marines degli Stati Uniti con diverse capacità integrate in un unico progetto di base.

Tuttavia, questo lascia l’F-35 senza alcun ruolo specializzato, il che rende necessario un ecosistema di supporto di altre capacità per massimizzare l’efficacia dell’F-35. I potenziali acquirenti dei caccia di quinta generazione cinesi, russi e statunitensi devono armonizzare le rispettive strategie militari, le dottrine di difesa aerea, i requisiti di capacità e le specifiche tecniche nel prendere decisioni di acquisto.

Anna Lotti