GRECIA. Eretto un muro per bloccare i profughi afgani

76

La Grecia ha eretto una recinzione di oltre 40 km e installato un nuovo sistema di sorveglianza al suo confine con la Turchia, mentre si teme un aumento dei rifugiati afgani che cercano di raggiungere l’Europa. La Grecia ha affrontato crisi ricorrenti di rifugiati dal 2015, quando più di un milione di rifugiati, principalmente siriani, hanno attraversato i suoi confini terrestri e marittimi per sfuggire al conflitto in patria.

Parlando dal Checkpoint One, riporta VoA, il principale posto di frontiera della Grecia lungo le frontiere terrestri greche con la Turchia, il ministro dell’Ordine pubblico Michalis Chryssochoidis ha lanciato quello che ha chiamato un avvertimento chiaro e giusto: «I nostri confini rimarranno sicuri e inviolabili. E non permetteremo alcun afflusso indiscriminato di rifugiati».

L’avvertimento del ministro è arrivato mentre visitava il checkpoint e un’imponente recinzione d’acciaio, completata negli ultimi giorni tra i timori di un flusso di rifugiati afgani dopo la presa di potere dei talebani. Il ministro della Difesa Nikos Panagiotopoulos ha detto che la recinzione greca lungo il poco profondo fiume Evros che separa il paese dalla Turchia è solo parte di un piano più grande messo insieme dalle autorità per schermare ulteriormente il paese contro una nuova crisi migratoria: «Siamo in allerta, ma la Grecia continuerà a proteggersi da qualsiasi minaccia».

Il ministro della Difesa ha detto che sistemi speciali di sorveglianza, tra cui una flotta di droni e telecamere notturne, sono stati installati attraverso la nuova recinzione per controllare i passaggi illegali. I bulldozer dell’esercito hanno scava tratti della frontiera settentrionale con la Bulgaria, dove i camion militari stavano scaricando filo spinato per erigere altre recinzioni.

La Grecia è stata in prima linea nei problemi di migrazione dell’Europa da quando circa 1,2 milioni di rifugiati dalla Siria sono passati nel 2015, scatenando la più grande spinta migratoria verso il continente europeo dalla Seconda guerra mondiale.

La Grecia si è ripetutamente lamentata con l’Unione europea per aver fatto troppo poco per sostenere centinaia di migliaia di migranti e rifugiati intrappolati nel paese per sei anni, mentre gli stati vicini e altre nazioni europee, tra cui la Germania, hanno chiuso un occhio, sigillando i loro confini per tenerli lontani.

Le Nazioni Unite stanno ora lanciando appelli affinché i paesi della regione non facciano lo stesso con gli afghani in fuga. Ma il governo di Atene dice che non sarà passivo.

Con una mossa a sorpresa, il primo Ministro Kyriakos Mitsotakis ha fatto una telefonata al presidente turco Recep Tayyip Erdogan, cercando di ottenere sostegno e una strategia comune su come affrontare una potenziale crisi migratoria nella regione. Dettagli non noti, ma dopo la telefonata, Erdogan ha avvertito l’Europa che non avrebbe permesso alla Turchia di diventare “un magazzino” per i rifugiati. La Turchia ospita già 3,6 milioni di rifugiati siriani e più di 300.000 afghani.

Graziella Giangiulio