Meno grano per Astana

68

KAZAKHSTAN – Astana. 03/11/14. Oltre 16 milioni di tonnellate di grano sono state macinate in Kazakhstan a partire dal 27 Ottobre, 2014, secondo un messaggio dal Ministero dell’Agricoltura del paese.

«La raccolta di nuove colture agricole è ostacolata a causa di condizioni climatiche sfavorevoli di quest’anno. Nelle regioni settentrionali il raccolto è stato ostacolato da precipitazioni a fine Settembre, primi di ottobre », ha detto il ministero.

Il ministero ha anche detto che a partire dal 27 ottobre, le colture sono state raccolte da oltre 13,1 milioni di ettari (87,5 per cento), e 16,2 milioni di tonnellate di grano sono state macinate con una resa media di 12,3 metri metrici per ettaro.

Le regioni Akmola, Kostanai e Nord Kazakistan la raccolta è stata fatta su 11,5 milioni di ettari, il grano pera stato seminato in 9,7 milioni, pari al 84,3 per cento della superficie totale raccolto, circa 12 milioni di tonnellate di grano sono state macinate.

Secondo le statistiche per i servizi regionali del ministero, l’area di prodotto raccolto è pari a 15 milioni di ettari (l’area è diminuita di 736.300 ettari rispetto al 2013). Il tutto rispettando il piano per la diversificazione delle colture. «Per esempio, i campi per la coltivazione del grano si è ridotto negli ultimi 5 anni di oltre 2 milioni di ettari (da 14,8 milioni di ettari nel 2009-12.400.000 di ettari nel 2014). Allo stesso tempo, i campi per la coltivazione altre colture ‘si stanno ampliando», ha detto il messaggio.

Il ministero ha detto che i campi per la coltivazione di semi oleosi in Kazakistan sono incrementati da da 0,7 milioni di ettari del 2009 a 2,3 milioni di ettari nel 2014, i settori per ortaggi, piante cucurbitacee e patate, da 338.000 ettari del 2009 ai 413.000 ettari nel 2014, colture foraggere, da 2,5 milioni di ettari nel 2009-3.300.000 ettari nel 2014.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIS cerca manager
Articolo successivoGas conteso