Google sotto processo in Brasile

73

BRASILE – Brasilia. 11/10/13. Google accusato di pratiche anticoncorrenziali sul mercato brasiliano delle ricerche online da Buscapé Bondfaro e Microsoft nel 2011. Ora il procedimento è al Consiglio di amministrazione per la difesa economica (Cade).

La supervisione generale del Consiglio ha presentato tre procedimenti amministrativi per determinare presunte pratiche anticoncorrenziali adottate da Google nel mercato brasiliano delle ricerche online. L’indagine ha avuto inizio dopo denunce presentate dall’agenzia dell’antitrust, agenzia affari e-commerce, Media Group (i siti e Buscapé Bondfaro) e Microsoft, il cui Internet motore di ricerca Bing è il rivale di Google.

Il primo caso andrà a verificare se il lavoro svolto dall’e-commerce aggregatore di Google Shopping ha arrecato danni ai siti concorrenti come Buscapé. Inoltre, si andrà a verificare se l’e-commerce di Google Shopping veniva posizionata in modo privilegiato in altre aree della pagina.

Tra le cose da verificare è se Google ha ridotto lo spazio di ricerca organica – in cui i risultati sono determinati dalla rilevanza, e non perché i siti hanno pagato per apparire. 

Inoltre, Cade dovrà stabilire se Google ha adottato meccanismi per confondere l’utente a identificare i risultati di ricerca organici e sponsorizzati, con potenziali effetti anticoncorrenziali .

 Buscapé ha denunciato per la prima volta EDS due anni fa. Lo scorso anno ha perso una battaglia. Il giudice ha sentenziato che Google non aveva un peso dominante sul mercato. 

Il giudice ha anche stabilito che Google Shopping non è un prodotto separato, non in competizione, in modo che il mercato è ” solo una parte dei risultati di ricerca di Google”.

L’esempio di Buscapé è seguito ora da molte altre aziende nel mondo. 

Gli altri settori di indagine sono quello fotografico on-line e ancora le presunte restrizioni anticoncorrenziali del contratto di servizio di AdWords della pubblicità online piattaforma di Google