GOLFO PERSICO. Frizioni fra Emirati Arabi Uniti e Regno Saudita

189

L’Arabia Saudita ha minacciato gli Emirati con un blocco territoriale Secondo il quotidiano Wall Street Journal. Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, insoddisfatto delle differenze globali con il suo vicino, ha ammesso un simile scenario già in una conversazione di dicembre con i giornalisti. Il principe ereditario ha affermato di aver persino inviato la sua lista di richieste agli Emirati e ha promesso che le potenziali misure potrebbero essere più severe di quelle applicate al Qatar nel 2017.

L’opzione del blocco è molto difficile da immaginare, ma come sottolineato International Crisis Group (ICG), il pericolo di conflitto tra vicini sta effettivamente crescendo a causa del fatto che le vecchie linee di contraddizione persistono e ne stanno sorgendo di nuove.

Tra i dossier sul piatto della bilancia: lo Yemen. L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sono ora più aperti sulle loro divergenze dopo anni di conflitto armato: i negoziati guidati da Riyad con i ribelli Houthi escludono di fatto Abu Dhabi, mentre i delegati di entrambi i paesi nell’arena si scontrano sempre più tra loro. Va anche aggiunto che al Qaeda ha in Yemen nel mirino militari degli Emirati che colpisce regolarmente tutte le settimane.

Un altro tema in discussione secondo International Crisis Group (ICG) è il Turismo e investimenti. Riyadh ha intrapreso un percorso economico per privare il suo vicino della reputazione di principale destinazione turistica del Golfo e rifugio per gli investimenti stranieri: lo hanno annunciato i rappresentanti del regno che hanno che detto che entro il 2024 smetteranno di fare affari con qualsiasi società internazionale a meno che non abbiano sedi regionali in Arabia Saudita.

Energia. Gli emirati sono più inclini a seguire i requisiti degli Stati Uniti in materia di produzione di petrolio. Quindi, Abu Dhabi è rimasto estremamente deluso dal desiderio dell’OPEC + di ridurre il livello, contrariamente alla persuasione dell’amministrazione Biden. L’ICG stima che la stessa situazione potrebbe ripetersi in una potenziale corsa per la quota di mercato delle energie rinnovabili.

Infine Riyadh e Abu Dhabi hanno abbassato il livello di rappresentanza reciproca in occasione di eventi importanti. Il principe ereditario ha ignorato un incontro dei leader arabi ad Abu Dhabi nel gennaio 2023, mentre gli Emirati Arabi Uniti hanno inviato rappresentanti di livello inferiore a una serie di incontri nel regno (vertice sino-arabo a dicembre, vertice della Lega araba a maggio).

Secondo l’ICG, il confronto saudita-emiratino può rapidamente farsi sentire in nuovi conflitti all’interno e all’esterno del Golfo Persico. Finora, tuttavia, si tratta principalmente di una crescente crisi di fiducia. I consiglieri del principe ereditario saudita non hanno ricevuto raccomandazioni pratiche sull’inasprimento degli approcci alle relazioni con gli Emirati Arabi Uniti.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/