Settore alberghiero in stallo nel Golfo Persico

56

EMIRATI ARABI UNITI – Dubai 28708/2016. Gli hotel a Dubai hanno registrato un aumento dell’occupazione e dei ricavi per camera disponibile (Revpar) nel mese di luglio, grazie ai festeggiamenti di Eid al-Fitr, secondo i dati riportati dal quotidiano Arabian Business.

Il settore alberghiero nell’emirato del Golfo ha visto l’occupazione salire del 17,6 per cento arrivando al 67,5 per cento, mentre la Revpar è aumentata del 7,5 per cento. La domanda del mercato è cresciuta del 24,6 per cento anno su anno con un incremento legato ai festeggiamenti di Eid al-Fitr.
I più alti livelli di occupazione assoluti sono stati segnalati al Palm Jumeirah (74,9 per cento) e al Deira e negli aeroporti (72 per cento), riporta il quotidiano. Altrove nel Golfo, gli alberghi del Kuwait hanno registrato aumenti inferiori con l’occupazione fino 5,1 per cento arrivano al 38 per cento, e la Revpar in crescita del 5,9 per cento. La performance è stata trainata principalmente da un aumento del 25,9 per cento nell’occupazione nella zona di Kuwait City, dove però l’occupazione è scesa del 3,8 per cento.
In Qatar, gli alberghi hanno segnalato decrementi di tutti i parametri. L’occupazione nel paese è scesa del 6,6 per cento arrivando al 53,3 per cento, e la Revpar è scesa del 7,3 per cento.
A livello regionale, gli alberghi in Medio Oriente hanno riportato risultati contrastanti nel mese di luglio. Rispetto a luglio 2015, il Medio Oriente ha registrato un aumento del 4,8 per cento nell’occupazione arrivando al 58 per cento. Tuttavia, la Revpar è scesa del 11,9 per cento.