Glonass, tecnologia made Cina

37

RUSSIA – Mosca. 18/09714. La rete Glonass rischia una battuta di arresto per via delle sanzioni occidentali a Mosca. A farlo sapere dalla stampa Scuola Internazionale di navigazione satellitare il Vice Direttore della Russian Space Systems, Grigory Stupak.

«La Sostituzione delle importazioni sarà certamente associata alla correzione della documentazione di progettazione. Al momento non possiamo fare a meno di “pezzi”, elementi prodotti da aziende straniere. I componenti mancanti, ovviamente, devono essere compensati da fornitori affidabili», ha detto Stupak .

Sotto le sanzioni occidentali, la Russia per la microelettronica e altri componenti per i satelliti non si rivolgerà più all’occidente, in particolari modo all’Europa, ma alla Cina, Corea del Sud e altri paesi asiatici, ha detto Igor Komarov, di Rocket Head Space Corporation . 

La rete Glonass è entrata in funzione nel 1993, è considerata la risposta della Russia agli Stati Uniti Global Positioning System (GPS). La rete fornisce in tempo reale il posizionamento e la velocità dei dati per superficie, del mare e degli oggetti nell’aria. Glonass non è ancora così precisa nella geolocalizzazione come il GPS, ma l’Agenzia Spaziale Russa ha promesso di aumentare la sua accuratezza nel 2014 a meno di 1 metro, rendendo così Glonass e GPS sistemi comparabili.