GIAPPONE. Videogiochi, anime e musica lanciano le entrate di Sony

80

Sony si aspetta il suo più alto profitto netto di sempre per l’anno che termina a marzo, dato che i suoi punti di forza nei contenuti di intrattenimento come giochi, anime e streaming musicale hanno avuto successo durante il lockdown causato dalla pandemia.

La società giapponese, riporta Nikkei, ha rivisto mercoledì scorso le sue previsioni di profitto netto a 1.085 trilioni di yen per l’anno fiscale in corso, in crescita dell’86% rispetto a un anno fa. La cifra dell’utile supererebbe il massimo storico di 916 miliardi di yen registrato per l’anno terminato a marzo 2019.

Questo dato segna la seconda revisione al rialzo di Sony in questo anno fiscale. In precedenza, la società ha detto che si aspettava che l’utile netto annuale aumentasse del 37% a 800 miliardi di yen. La performance record sarà sostenuta da un salto del 7% delle entrate a 8,8 trilioni di yen e un aumento dell’11% dell’utile operativo a 940 miliardi di yen, stimolato dalla domanda di home entertainment alimentata dalla pandemia.

I servizi di gioco su abbonamento del conglomerato nipponico hanno continuato ad essere popolari tra i giocatori, specialmente PlayStation Plus, che attira entrate mensili da abbonamento per i suoi giochi multiplayer online. Gli abbonati a PS Plus hanno superato i 47 milioni di utenti alla fine di dicembre 2020, aumentando del 22% rispetto a un anno fa.

Sony ha detto di aver venduto finora 4,5 milioni di unità della sua ultima console, PlayStation 5, che è stata fatta uscire a novembre 2020. Un aumento delle vendite di hardware, così come i titoli di giochi popolari come Marvel’s Spider-Man: Miles Morales che ha venduto oltre 4 milioni di copie, ha contribuito a compensare le maggiori spese di marketing e promozionali.

La società si aspetta ora un aumento del 42% dell’utile operativo annuale a 340 miliardi di yen nel suo business dei giochi. Nel contempo, Sony sta affrontando una crisi globale dei chip, così come le critiche crescenti sul suo fallimento nel rifornire i giocatori a casa.

Insieme al gioco, anche il segmento musicale di Sony, che copre le attività legate agli anime, ha creato margini. Mentre la pandemia ha provocato un aumento delle entrate dello streaming musicale di Sony, il film Demon Slayer, co-distribuito dall’unità musicale di Sony, ha aumentato notevolmente le vendite. Il film è uscito nelle sale cinematografiche di tutto il Giappone in ottobre ed è diventato il film di maggior incasso del paese. I blocchi dovuti a COVID-19 hanno anche portato a un’impennata nel numero di spettatori della versione anime televisiva di Demon Slayer sulle piattaforme di streaming.

La società prevede un salto del 26% nell’utile operativo annuale a 180 miliardi di yen per il suo business musicale complessivo. Sony ha anche rivisto al rialzo l’outlook per il suo business dei sensori d’immagine, riflettendo vendite migliori del previsto spinte da una ripresa delle spedizioni ad alcuni clienti, tra cui la cinese Huawei Technologies, uno dei suoi principali acquirenti. Nel mese di ottobre, Sony ha espresso preoccupazione per un rallentamento del business a causa delle misure adottate dagli Stati Uniti contro Huawei.

Per il periodo aprile-dicembre, Sony ha registrato un aumento dell’87% dell’utile netto a 1,064 trilioni di yen, mentre il fatturato è aumentato del 4% a 6,7 trilioni di yen. L’utile operativo è balzato del 12% a 905 miliardi di yen.

Maddalena Ingrao