GIAPPONE. Tokyo vuole partecipare alle missioni USA su Taiwan

87

Il parlamento nipponico ha raccomandato che il Giappone e gli Stati Uniti rivedano le loro linee guida di difesa per concentrarsi sui potenziali punti critici che coinvolgono la Cina, in particolare Taiwan e il Mar Cinese Meridionale. Le linee guida stabiliscono i rispettivi ruoli e missioni delle forze di autodifesa del Giappone e dell’esercito statunitense nell’alleanza, e come i due dovrebbero lavorare insieme.

Stando a Nikkei, il documento è stato redatto per la prima volta nel 1978, durante la Guerra fredda, quando un’invasione dell’Hokkaido da parte dell’Unione Sovietica era vista come il principale scenario di minaccia. Da allora è stato rivisto solo due volte: nel 1997, quando i test dei missili balistici nordcoreani hanno portato alla ribalta la prospettiva di un conflitto nella penisola coreana, e nel 2015, quando il Giappone ha approvato la legislazione che consente un esercizio limitato del diritto all’autodifesa collettiva, riporta Nikkei.

Questo terzo aggiornamento proposto metterebbe lo stretto di Taiwan sotto i riflettori, ed enfatizzerebbe la preparazione per affrontare la Cina e la sua espansione militare. La proposta della divisione affari esteri del Partito liberaldemocratico ha sollecitato il governo a considerare come evacuare i cittadini giapponesi nel caso di un conflitto nello stretto di Taiwan.

Il cambiamento sottolineerebbe un cambiamento di enfasi per la cooperazione nella difesa tra i due alleati dopo che il primo Ministro giapponese Yoshihide Suga e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden hanno menzionato Taiwan in una dichiarazione congiunta post-summit ad aprile per la prima volta dal 1969.

Taiwan si trova a soli 110 km da Yonaguni, l’isola abitata più occidentale del Giappone, ed è anche vicino alle isole Senkaku amministrate dal Giappone, che sono rivendicate dalla Cina come Diaoyu e hanno visto ripetute incursioni di navi cinesi nelle acque circostanti.

Priorità dovrebbero essere la difesa aerea e missilistica integrata, sistemi per intercettare minacce come missili da crociera e jet da combattimento, come una priorità per la cooperazione tra Stati Uniti e Giappone. Le proposte includono il rilevamento di missili con veicoli senza equipaggio e il lancio di una flotta di satelliti a bassa orbita per il monitoraggio.

Si dice che Pechino abbia più di 2.000 missili a medio raggio, si stima Pechino superi gli Stati Uniti in termini di potenza di fuoco missilistica intorno a Taiwan.

Per contrastare la strategia cinese, gli Stati Uniti prevedono una propria rete di missili che si estende da Okinawa alle Filippine. Le batterie di missili potrebbero essere installate nelle strutture militari americane in Giappone, il che aumenterebbe le capacità di deterrenza dell’alleanza, ma renderebbe anche i siti potenziali obiettivi di Pechino. Poiché le forze dagli Stati Uniti continentali impiegherebbero fino a tre settimane per arrivare nel caso di un conflitto a Taiwan, le forze americane in Giappone servirebbero inizialmente come prima linea. La Sdf avrebbe probabilmente un ruolo di supporto in un tale scenario, rifornendo carburante e vettovaglie e fornendo il trasporto.

Il partito di Suga ha anche chiesto al Giappone di partecipare alle operazioni di libertà di navigazione nel Mar Cinese Meridionale: «È una corsia di navigazione per le spedizioni di petrolio greggio verso il Giappone (…) Le Sdf dovrebbe essere coinvolta in operazioni di libertà di navigazione e aprire la strada per garantire la sicurezza delle navi private».

Washington e Tokyo dovrebbero tenere un dialogo a due a due dei ministri degli esteri e della difesa già quest’anno, anche per discutere se le linee guida debbano essere aggiornate, insieme al rafforzamento della deterrenza contro la Cina.

Luigi Medici