GIAPPONE. Tokyo sceglie la stabilità: Kishida premier

46

L’ex ministro degli Esteri giapponese Fumio Kishida ha vinto le elezioni per la leadership del Jimintō o Ldp, Partito Liberal Democratico al governo ed è destinato a diventare il prossimo primo Ministro, con due obiettivi: rilanciare un’economia colpita dalla pandemia e garantire una forte alleanza con Washington per contrastare i crescenti rischi di sicurezza regionale. Kishida sostituisce il leader uscente del partito, il primo Ministro Yoshihide Suga, che si è dimesso dopo un solo anno.

Come nuovo leader del Partito Liberal Democratico, Kishida è certo di essere eletto il prossimo primo Ministro il prossimo lunedì in parlamento, dove il suo partito e il suo partner di coalizione controllano entrambe le camere, riporta Ap.

Nel suo discorso di vittoria, Kishida ha promesso di affrontare le “crisi nazionali” tra cui Covid-19, l’economia colpita dalla pandemia e il calo della popolazione e della natalità. Ha detto che avrebbe perseguito “importanti questioni relative al futuro del Giappone” attraverso una visione di “un Indo-Pacifico libero e aperto” che contrasta l’assertività della Cina nella regione. Kishida ha sconfitto il popolare ministro delle Vaccinazioni Taro Kono in un ballottaggio dopo essere arrivato solo un voto davanti a lui al primo turno, in cui nessuno dei quattro candidati, comprese due donne, è stato in grado di ottenere la maggioranza.

In una vittoria schiacciante di 257-170 al secondo turno, Kishida ha ricevuto il sostegno dei pesi massimi del partito che apparentemente hanno scelto la stabilità rispetto al cambiamento sostenuto da Kono, visto come un riformista. Kishida è sotto pressione per cambiare la reputazione del partito, peggiorata da Suga, che ha fatto arrabbiare il pubblico per la sua gestione della pandemia e l’insistenza nel tenere le Olimpiadi estive a Tokyo nonostante l’aumento delle infezioni.

Il Partito ha un disperato bisogno di aumentare rapidamente il sostegno pubblico in vista delle elezioni della camera bassa che si terranno entro due mesi. Kishida ha detto di aver sentito molti elettori nell’ultimo anno lamentarsi di essere stati ignorati.

Il 64enne ex ministro degli Esteri una volta era visto come un moderato indeciso. Ultimamente, tuttavia, si è spostato per diventare un falco della sicurezza e della diplomazia mentre cercava il sostegno dei conservatori influenti per vincere le elezioni del partito. Ha chiesto un ulteriore aumento della capacità di difesa e del budget del Giappone, e ha giurato di tenere testa alla Cina nelle tensioni su Taiwan, che la Cina rivendica come parte del suo territorio, e sulla repressione di Pechino del dissenso a Hong Kong.

Per quanto riguarda l’economia, Kishida ha chiesto un “nuovo capitalismo” di crescita e distribuzione per ridurre il divario di reddito tra ricchi e poveri che si è ampliato sotto Shinzo Abe, ed è peggiorato durante la pandemia. Si è anche impegnato a promuovere la tecnologia dell’energia pulita per trasformare le misure del cambiamento climatico in opportunità di crescita e ha proposto un generoso pacchetto di ripresa economica.

Lucia Giannini