GIAPPONE. Tokyo prepara il più grande riarmo dalla Seconda guerra mondiale

297

Nei prossimi cinque anni il Giappone intraprenderà il più grande potenziamento degli armamenti dalla Seconda Guerra Mondiale nel tentativo di dissuadere Pechino da una guerra in Asia orientale, affermano funzionari governativi e analisti della sicurezza.

Il Giappone ha identificato la Cina come il suo principale avversario nel suo libro bianco sulla difesa del 2019, preoccupato che la violazione delle norme internazionali da parte di Pechino, la pressione su Taiwan e la rapida modernizzazione militare rappresentino una seria minaccia per la sicurezza.

Questa ansia si è intensificata dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, indebolendo l’opposizione pubblica giapponese al riarmo, riporta AF. Indicando il 2027 come il momento in cui l’equilibrio di potere dell’Asia orientale potrebbe spostarsi a favore della Cina, il governo giapponese intende raccogliere consensi per una maggiore spesa per la difesa.

Oltre ad essere la prossima data in cui i delegati del Partito Comunista si riuniranno a Pechino, il 2027 rappresenta la prossima tappa fondamentale della tabella di marcia della Cina per la modernizzazione militare e il centenario della fondazione dell’Esercito Popolare di Liberazione. L’anno scorso, durante un’audizione al Congresso, il comandante degli Stati Uniti per l’Indo-Pacifico, l’ammiraglio Philip Davidson, ha affermato che la minaccia cinese contro Taiwan potrebbe “manifestarsi” in quell’anno.

Per il Giappone, la perdita di Taiwan sotto il controllo della Cina continentale potrebbe essere un disastro, perché metterebbe a rischio le rotte di navigazione chiave che forniscono quasi tutto il petrolio e molti dei materiali utilizzati per la produzione. Inoltre, darebbe alla marina cinese un accesso illimitato al Pacifico occidentale dalle basi sull’isola.

Il Ministero degli Esteri cinese ha affermato che il Giappone sta usando la Cina come pretesto per un rafforzamento militare: «Le forze politiche giapponesi hanno ripetutamente usato la Cina come pretesto per esagerare deliberatamente le tensioni regionali. Così facendo, la parte giapponese sta solo cercando scuse per rafforzare le proprie forze armate ed espandere il proprio esercito», ha dichiarato il ministero.

Al congresso di Pechino, il leader cinese Xi Jinping ha chiesto di accelerare i piani della Cina per costruire un esercito di livello mondiale e ha detto che il suo Paese non rinuncerà mai al diritto di usare la forza per risolvere la questione di Taiwan.

Antonio Albanese