GIAPPONE. Tokyo passa al gas

137

Il Giappone sta cercando di coinvolgere aziende private in un programma per aumentare la capacità di produzione di energia elettrica a gas naturale del Paese dell’equivalente di sette o otto centrali per far fronte alla prevista carenza di energia.

Secondo quanto riporta Nikkei, il ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria nipponico prevede l’entrata in funzione di 6.000 megawatt entro l’anno fiscale 2030. Verrà dato sostegno al recupero dei costi di costruzione e di investimento, una mossa per contrastare l’esitazione delle aziende a partecipare a causa dell’imprevedibilità dei prezzi del Gnl e del movimento generale verso la decarbonizzazione.

Le aziende saranno coinvolte tra il 2023 e il 2025. L’obiettivo di potenza è equivalente al 3% in più della domanda di picco del Paese in inverno e in estate. Il sostegno sarà fornito non solo per i nuovi progetti, ma anche per quelli che hanno già iniziato la progettazione e la costruzione in tempo per l’obiettivo fiscale del 2030.

Circa un terzo delle centrali elettriche convenzionali a combustibili fossili di proprietà delle principali compagnie elettriche è in funzione da 20-29 anni. Secondo le stime del Ministero, l’invecchiamento delle infrastrutture rischia di ridurre la produzione di 9.000 MW entro il 2030.

Le moderne centrali elettriche a gas hanno emissioni di anidride carbonica relativamente basse e se le centrali a carbone vengono ricostruite per utilizzare il gas, le emissioni possono essere dimezzate.

Il Giappone è stato relativamente lento nell’introdurre le energie rinnovabili e nel riavviare le centrali nucleari. Il gas naturale è una delle principali fonti di energia e rappresenta la quota maggiore della produzione di energia elettrica del Paese, pari al 34% nell’anno fiscale 2021.

Nell’anno fiscale 2023, il Giappone lancerà un programma di sostegno alla decarbonizzazione che prevede la raccolta di fondi dai rivenditori di energia elettrica per finanziare un pool da cui i generatori di energia possono guadagnare una certa quantità di reddito per i primi 20 anni di attività, rendendo più facile la previsione del ritorno sugli investimenti.

In origine, questo programma mirava alla costruzione di impianti che avrebbero utilizzato la co-combustione con combustibili come l’idrogeno, che non emette CO2 quando viene bruciato. Tuttavia, le misure di riduzione delle emissioni saranno posticipate e consentiranno l’introduzione della co-combustione a idrogeno entro i primi 10 anni di attività di un impianto, con l’obiettivo di azzerare le emissioni entro il 2050.

Quest’anno la rete elettrica giapponese è stata più volte messa a dura prova. A marzo, un terremoto al largo della prefettura di Fukushima ha causato l’arresto di diverse centrali elettriche a combustibili fossili, mettendo in guardia da un difficile equilibrio tra domanda e offerta di energia. Il Ministero ha lanciato un appello alla conservazione dell’energia elettrica a livello nazionale a partire da questo mese, dopo un appello simile lanciato in estate.

I costi saranno determinanti per stabilire se le compagnie elettriche e altri soggetti decideranno di costruire gli impianti, la cui realizzazione richiede diversi anni. La redditività delle operazioni di generazione convenzionali tende a peggiorare con l’aumento delle energie rinnovabili.

La costruzione di una centrale a combustibili fossili richiede un investimento di circa 100 miliardi di yen e, anche con il sostegno del governo, non è certo che le compagnie elettriche e altri soggetti aderiscano.

Anche se il sostegno sarà condizionato alla decarbonizzazione a lungo termine, il programma potrebbe essere interpretato all’estero come una ritirata a breve termine dalla decarbonizzazione, che potrebbe influenzare il pensiero di aziende e istituzioni finanziarie.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/