GIAPPONE. Tokyo non aumenta i tassi d’interesse: crolla lo yen

110

La Banca del Giappone ha previsto che l’inflazione supererà il suo obiettivo quest’anno nelle nuove previsioni pubblicate il 21 luglio, ma ha mantenuto i tassi di interesse ultra-bassi e ha segnalato la sua volontà di rimanere un’eccezione in un’ondata di inasprimento delle politiche delle banche centrali globali.

Il governatore della Boj, Haruhiko Kuroda, ha accantonato la possibilità di un inasprimento delle politiche a breve termine, affermando di non avere “assolutamente alcun piano” per aumentare i tassi di interesse o per innalzare il tetto implicito dello 0,25% fissato per l’obiettivo di rendimento dei titoli decennali della banca. «L’economia si sta riprendendo dalla pandemia. Anche il peggioramento delle condizioni commerciali del Giappone sta portando a un deflusso di reddito. Per questo motivo, dobbiamo continuare con la nostra politica di rigore per garantire che l’aumento dei profitti aziendali porti a una crescita moderata dei salari e dei prezzi», ha dichiarato.

Come ampiamente previsto, la Boj ha mantenuto l’obiettivo di -0,1% per i tassi a breve termine e quello di un rendimento dei titoli a 10 anni intorno allo 0%, riporta Reuters.

Il linguaggio della banca nipponica spicca nella recente raffica di aumenti dei tassi di interesse delle banche centrali per combattere l’impennata dell’inflazione: la Banca Centrale Europea ha effettuato il suo primo rialzo dei tassi in 11 anni.

Sebbene l’aumento dei costi del carburante e delle materie prime abbia spinto l’inflazione giapponese al di sopra dell’obiettivo del 2% della Banca centrale, quest’ultima ha ripetutamente affermato di non avere fretta di ritirare gli stimoli, poiché il rallentamento della crescita globale offusca le prospettive dell’economia ancora debole.

«L’incertezza che circonda l’economia giapponese è molto alta. Dobbiamo essere vigili sulle mosse dei mercati finanziari e valutari e sul loro impatto sull’economia e sui prezzi», si legge nel rapporto trimestrale della Boj pubblicato dopo la decisione.

Sottolineando l’allarme per i recenti forti cali dello yen, la Boj ha incluso nel rapporto l’avvertimento che la “forte volatilità” nel mercato valutario è tra i rischi per l’economia giapponese.

Nelle nuove proiezioni trimestrali, il consiglio ha alzato le previsioni sull’inflazione al consumo di base per l’anno fiscale in corso, che terminerà a marzo 2023, al 2,3% dall’1,9%. Ha anche alzato le previsioni di inflazione per l’anno successivo all’1,4% dall’1,1%.

Ma ha tagliato le previsioni di crescita per l’anno fiscale in corso, portandole al 2,4% dal 2,9%, e ha messo in guardia dai potenziali colpi derivanti dalle persistenti limitazioni dell’offerta, dall’aumento dei prezzi delle materie prime e dalla pandemia.

Tuttavia, facendo cenno all’ondata di aziende che hanno aumentato i prezzi, Boj ha dichiarato che le aspettative di inflazione sono in aumento e che probabilmente aumenteranno ulteriormente, anche attraverso gli aumenti salariali.

In una dichiarazione rilasciata dopo la decisione, la Boj ha lasciato invariato l’impegno ad aumentare gli stimoli se necessario e a mantenere i tassi di interesse ai livelli “attuali o inferiori” per sostenere la crescita.

Nuotare contro la marea globale della stretta monetaria, tuttavia, non è privo di costi. La divergenza di politiche ha spinto lo yen giapponese ai minimi di 24 anni, danneggiando le famiglie e i dettaglianti con un aumento dei costi di importazione già in crescita.

Pur avvertendo che i recenti forti cali dello yen sono “indesiderabili”, Kuroda ha escluso la possibilità di ricorrere a rialzi dei tassi per rallentare la caduta della valuta.

Lucia Giannini