GIAPPONE. Previsti tagli della produzione all’estero

126

Circa un’azienda giapponese su 10 prevede di ridurre la produzione all’estero nei prossimi cinque anni, come emerge da un’indagine governativa, in un contesto di crescente attenzione ai rischi della catena di approvvigionamento e di preparazione a un rallentamento dell’economia globale.

Circa l’11% delle aziende che hanno partecipato all’indagine annuale dell’Ufficio di Gabinetto per l’anno fiscale 2022 prevede di ridurre la quota di produzione gestita al di fuori del Giappone, il dato più alto dall’inizio dell’indagine nell’anno fiscale 1987 e un salto di 7 punti percentuali rispetto a un decennio prima. La percentuale che prevede di espandersi è diminuita drasticamente in questo periodo, scendendo di 23 punti al 37%, riporta Nikkei.

I produttori di apparecchiature elettriche sono stati i più propensi a dichiarare di avere in programma tagli, con il 21%, seguiti dal settore tessile con il 15% e da quello del vetro e della ceramica con il 14%.

Fino a poco tempo fa, la delocalizzazione aveva preso piede perché i produttori cercavano di ridurre i costi o di avvicinare la produzione ai clienti. Tuttavia, poiché la pandemia e la guerra in Ucraina hanno evidenziato i rischi di interruzione della catena di approvvigionamento, un numero maggiore di aziende sta spostando la propria attenzione sulla costruzione di reti più resistenti.

Le tensioni tra Cina e Stati Uniti sono un rischio che alcune aziende stanno cercando di mitigare.

Il produttore di macchinari industriali Yaskawa Electric spera di avviare una nuova fabbrica in Giappone già nel 2027 per la produzione di componenti a risparmio energetico per gli elettrodomestici, con l’obiettivo di ridurre la sua dipendenza dalla Cina per i componenti principali.

Daikin Industries rielaborerà la propria rete di fornitura nel corso dell’anno fiscale per garantire la produzione di condizionatori d’aria anche nel caso in cui perdesse l’accesso ai componenti cinesi, producendoli in Giappone o rifornendoli da più sedi in regioni come il Sud-Est asiatico.

Altre aziende stanno rispondendo alla più ampia incertezza che incombe sull’economia globale.

Mitsubishi Chemical Group, il principale fornitore mondiale di metacrilato di metile, cesserà presto la produzione della materia prima acrilica nei suoi impianti nel Regno Unito, che rappresentano circa un decimo della sua produzione totale. La resina prodotta con il metacrilato di metile è utilizzata in prodotti come le automobili.

I prezzi dell’energia in Europa sono stati costantemente alti dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e il rallentamento dell’economia ha indebolito la domanda. L’azienda esporterà invece il prodotto chimico in Europa da centri di produzione in Arabia Saudita e altrove.

Anche lo spostamento della spesa in conto capitale oltre confine ha avuto un impatto negativo. Tra i produttori giapponesi, la quota di investimenti all’estero si attesta oggi al 25%, secondo i dati del governo, in calo rispetto al picco del 29% raggiunto tra il 2013 e il 2015.

La risposta del Covid in Cina e nel Sud-Est asiatico ha contribuito a bloccare le attività produttive dei produttori giapponesi nel 2021 e 2022. Le restrizioni commerciali riguardanti la tecnologia dei semiconduttori rappresentano un altro rischio per la produzione all’estero.

D’altra parte, la localizzazione di capacità produttive in Giappone sarebbe una mossa rischiosa, a causa di un mercato del lavoro in crisi per il calo demografico. La produzione locale richiederebbe probabilmente l’automazione e altre innovazioni per aumentare la produttività.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/