Il Giappone investe in Turkmenistan

60

TURKMENISTAN -Ashgabat. 20/08/13. Il Presidente del Turkmenistan Gurbanguly Berdimuhamedov ha presentato un rapporto sulla cooperazione nel settore del petrolio e del gas con il Giappone.

Il documento verrà presentato ai colleghi giapponesi da una delegazione del governo turkmeno oggi. Secondo il rapporto, il presidente del Turkmenistan ha dichiarato che «è necessario prestare particolare attenzione alle problematiche legate allo sviluppo ulteriore della cooperazione a lungo termine turkmeno-giapponese reciprocamente vantaggiosa».  Il Turkmenistan, va ricordato, è in trattative con i rappresentanti della Banca del Giappone per la cooperazione internazionale (JBIC) l’obiettivo è quello di stabilire regole per cui le imprese giapponesi possano partecipare a progetti comuni con aziende di Ashgabat nel settore petrolchimico, gas, elettronica. Le relazioni tra i due Paesi sono migliorate da quando il numero uno del Turkmenistan Gurbanguly Berdimuhamedov si è recato in visita ufficiale a Tokyo nel 2009. In quella sedi le rappresentanze governative hanno siglato una serie di accordi intergovernativi e contratti con aziende giapponesi, come JGC Corporation, Itochu Corporation, Kawasaki Impianti Systems Ltd e Sojitz Corporation, Mitsubishi Heavy Industries e Mitsubishi Corporation, Sojitz Corporation, Asahi Kasei Chemicals Corporation. Una fonte ufficiale Tokyo ha riferito a Trend che l’alta tecnologia del Giappone e le ricche risorse naturali del Turkmenistan sono complementari.

Un certo numero di progetti in Turkmenistan potrebbe rientrare nei finanziamenti della JBIC. In modo particolare si prevede 1,6 miliardi di dollari per l’ammodernamento dell’impianto di raffineria di petrolio del mar Caspio in Turkmenbashi.