Stop all’importazione di pesce dal Giappone

109

GIAPPONE – Tokyo. 06/09/13. Ai ferri corti Giappone e Corea del Sud, dopo che quest’ultima ha proibito l’importazione di pesce da 8 prefetture del Giappone. Tokyo ha risposto immediatamente alla provocazione chiedendo una prova scientifica che dimostri la “non sanità” del pesce. 

A fare una richiesta ufficiale è stato il Segretario del Capo di Gabinetto giapponese, Yoshihide Suga.

La Corea del Sud ha posto il divieto di importazione dalla prefettura di Fukushima, che ospita l’impianto nucleare devastato dallo tsunami del 2011, che ha registrato diverse fuoriuscite di radioattività nell’Oceano Pacifico, scatenando la preoccupazione internazionale per la sicurezza delle esportazioni del Giappone nel settore della pesca .

Ma in merito all’area “radiottiva” il portavoce del governo giapponese ha rassicurato affermando che i controlli sul pesce sono severi, rigidi perfettamente in linea con le normative internazionali. E da qui dunque la richiesta alla controparte sudcoreana di una prova scientifica che certifichi che il pesce sia radioattivo. 

«Gli standard internazionali sono stati applicati sul cibo giapponese, ma per quanto riguarda i prodotti ittici non abbiamo la gestione della sicurezza» ha detto Suga. «In ogni caso, ha continuato il Segretario, nei casi in cui i test mostrano radiazione elevata, al di sopra degli standard, viene impedita la spedizione, questi prodotti non saranno distribuiti al mercato», ha dichiarato Suga, aggiungendo che non vi è stata alcun effetto negativo, di inquinamento dall’acqua contaminata che fuoriesce da Fukushima.

Suga ha detto l’ acqua radioattiva fuoriuscita da Fukushima ha interessato una superficie di 0,3 chilometri quadrati all’interno della baia che circonda l’impianto nucleare. All’interno di quella zona, ha spiegato il funzionario, i livelli di radiazione sono «di gran lunga al di sotto di quelli consentiti», aggiungendo che «non vi è assolutamente alcun effetto collaterale». 

I funzionari della Corea del Sud hanno risposto con il divieto di importazione: «tutti i prodotti della pesca provenienti da regioni colpite da radiazioni in Giappone non potranno entrare in Corea del Sud» .

Il divieto di importazione riguarderà i prodotti provenienti da: Fukushima, Aomori, Ibaraki, Gunma, Miyagi, Iwate, Tochigi e Chiba. Il governo locale e funzionari della pesca originari delle prefetture interessate dal divieto hanno espresso entrambi la loro sorpresa e preoccupazione per la mossa della Corea del Sud e hanno detto che opererà in stretto coordinamento con il governo centrale su come procedere .

Secondo una e-mail informativa dell’ufficio del primo ministro sudcoreano Chung di Hong-won, la decisione è stata presa a causa di «preoccupazioni in crescita dopo la fuoriuscita di ulteriori acque contaminate dalle radiazioni della centrale nucleare di Fukushima»; «è chiaro che è difficile prevedere il futuro di questa situazione di Fukushima, soprattutto con le sole informazioni fornite dal Giappone fino ad ora» ha chiosato il primo ministro sudcoreano.