GIAPPONE. Nuovi aiuti finanziari per aiutare la PMI a combattere il virus

99

Il governo del Giappone ha approvato il 10 marzo un pacchetto di aiuti finanziari del valore di mille miliardi di yen per le piccole e medie imprese e per i lavoratori autonomi colpiti dal nuovo coronavirus. «I finanziamenti si concentreranno sulle piccole e piccolissime imprese che hanno bisogno di finanziamenti nelle prossime due o tre settimane», ha detto il ministro delle Finanze Taro Aso, ripreso da Nikkei Asian Review.

Il governo ha lanciato il suo primo pacchetto di sostegno finanziario del valore di 500 miliardi di yen a febbraio, con il quale fornisce prestiti a basso interesse per le Pmi, in particolare nel settore del turismo. Il secondo pacchetto porterà l’importo totale del sostegno finanziario a 1,6 trilioni di yen.

Come parte del secondo pacchetto, il governo prenderà in considerazione l’offerta di prestiti fino a 300 milioni di yen a meno dell’1% di interesse annuo alle Pmi le cui vendite sono diminuite del 5% o più a causa dell’epidemia Covid 19. Per le Pmi e i lavoratori autonomi che hanno visto un calo del 10-20% e che devono prendere in prestito da una banca, il governo pagherà gli interessi sui prestiti.

Alcune aziende hanno visto fallire i piani aziendali o bloccati gli approvvigionamenti, portandole quasi al fallimento. Il pacchetto da 1 trilione di yen aiuterà anche le grandi aziende. La Development Bank of Japan, tra le altre cose, attingerà a un forziere da 200 miliardi di yen per sostenere le aziende che vogliono trasferire la produzione in Giappone. I fondi utilizzeranno un sistema di finanziamento di crisi creato sulla scia della crisi finanziaria globale del 2008.

La Japan Bank for International Cooperation assicurerà inoltre circa 250 miliardi di yen di finanziamenti, principalmente per sostenere le operazioni all’estero delle aziende giapponesi. I genitori gravati dalla chiusura delle scuole, richiesta dal Primo Ministro Shinzo Abe il 27 febbraio, saranno compensati, a partire dalle rette dei pasti scolastici. Inoltre, alcuni liberi professionisti e genitori autonomi potrebbero ricevere un compenso giornaliero di 4100 yen se costretti a ridurre il lavoro.

Una disposizione del pacchetto di aiuti prevede l’offerta a liberi professionisti e lavoratori non regolari di prestiti senza interessi fino a 100mila yen. Se il loro reddito annuo diminuisce del 20% o più, il governo prenderà in considerazione la possibilità di cancellare i loro debiti.

Il governo ancora non ha chiaro se avrà bisogno di un bilancio supplementare per affrontare il coronavirus: «Non lo sappiamo ancora perché non abbiamo ancora valutato completamente la situazione», ha detto Aso. Il governo contribuirà anche con circa 15 miliardi di yen per l’assistenza d’emergenza ai Paesi infetti attraverso l’Organizzazione Mondiale della Sanità e altre istituzioni.

In una questione correlata, Abe ha prolungato di “circa 10 giorni” il periodo in cui i grandi eventi sportivi e culturali sono stati cancellati o rinviati, dicendo che vorrebbe vedere come questo e altre misure di contenimento stanno funzionando. La richiesta originaria, fatta il 26 febbraio, era di due settimane.

Parlando a una riunione di una task force governativa sulla risposta al virus, Abe ha detto che l’estensione permetterà a un gruppo governativo di esperti medici di valutare la situazione in modo da poter emettere un rapporto intorno al 19 marzo.

Lucia Giannini