Dopo Fukushima, riapre Kashiwazaki

55

GIAPPONE – Tokyo 21/07/2014. La Tokyo Electric Power Co (Tepco) ha deciso di riavviare la centrale nucleare di Kashiwazaki-Kariwa nella prefettura di Niigata scatenando le ansie della comunità locale per le possibili fughe radiattive.

Riporta la notizia The Japan Times il 21 luglio citando il responsabile di un gruppo che rappresenta la cittadinanza locale.
«Anche se sono state prese diverse misure di sicurezza, è difficile prevedere il tipo di disastro che potrebbe accadere», afferma Masayuki Sato leader della comunità locale.
Tepco ha sottolineato che sono stati posati nuovi frangiflutti, aggiunti i veicoli con generatori elettrici e camion dei pompieri presso l’impianto, e che il personale della centrale ha ricevuto una formazione aggiornata.
Nonostante ciò, il governatore di Niigata Hirohiko Izumida è stato molto prudente sui piani di Tepco, dicendo che «è troppo presto perché i reattori siano di nuovo online».
Il 16 luglio 2007, un terremoto di magnitudo 6.8 colpì il Giappone, causando l’incendio di un trasformatore nella centrale nucleare di Kashiwazaki-Kariwa e la fuoriuscita di sostanze radioattive. L’impianto quindi è stato chiuso. Nel 2009 quattro dei suoi sette reattori sono stati portati di nuovo online e successivamente disattivati ​​dopo il disastro nucleare di Fukushima nel 2011.