GIAPPONE. Miniere di Terre Rare sotto l’Oceano

113

Lo sforzo del Giappone per l’estrazione mineraria dai fondali marini sta passando dalla fase di ricerca e sviluppo a quella di estrazione delle risorse, poiché il progresso tecnologico è stimolato dalle esigenze di sicurezza economica nazionale.

L’attuale dipendenza del Giappone dalla Cina per le forniture di terre rare potrebbe essere notevolmente ridotta o eliminata entro la fine del decennio. Attualmente la Cina domina la produzione globale, trattando circa l’85% delle terre rare del mondo, riporta AF.

Il nuovo documento sulla sicurezza nazionale del Giappone, pubblicato a dicembre, afferma che «per quanto riguarda la resilienza della catena di approvvigionamento, il Giappone ridurrà l’eccessiva dipendenza da determinati Paesi».

Inoltre, «garantirà una fornitura stabile per i beni critici, comprese le terre rare, e promuoverà il rafforzamento del capitale delle imprese private con beni e tecnologie critici e rafforzerà la funzione della finanza basata sulle politiche, al fine di proteggere e coltivare i beni critici».

I metalli delle terre rare sono un gruppo di 17 elementi metallici pesanti, alcuni dei quali sono di importanza fondamentale per la produzione di motori per veicoli elettrici, generatori di energia eolica e altri dispositivi elettronici. Sono utilizzati in magneti, batterie, laser e molti altri prodotti e processi industriali.

Attualmente il Giappone importa circa il 60% delle terre rare dalla Cina, ma questi metalli sono disponibili in grandi quantità sul fondo del mare, sempre che sia possibile accedervi.

Lo scorso agosto e settembre, gli ingegneri marini giapponesi che lavorano per il Programma di promozione dell’innovazione strategica interministeriale dell’Ufficio di Gabinetto sono riusciti a pompare materiale dal fondale marino da una profondità di quasi 2.500 metri nelle acque vicino a Minami-Torishima. Ora il sistema di pompaggio deve essere esteso a una profondità di 6.000 metri, dove sono stati trovati grandi depositi di fango contenenti terre rare. L’inizio del pompaggio da questa profondità è previsto per il 2024.

Il compito è reso più difficile dalle forti correnti oceaniche e dai tifoni. Il governo ha stanziato 6 miliardi di yen per finanziare il progetto.

Minami-Torishima è una barriera corallina situata a quasi 1.900 chilometri a sud-est di Tokyo e a quasi 3.350 chilometri a est di Taiwan. È il territorio più orientale e più remoto del Giappone con una propria Zona Economica Esclusiva separata.

Alla fine di dicembre, il governo ha deciso che solo le organizzazioni autorizzate dal Ministero del Commercio, dell’Economia e dell’Industria potranno estrarre metalli di terre rare sul territorio giapponese. La legislazione per l’attuazione di questa decisione sarà probabilmente presentata alla Dieta quest’anno e passerà quasi sicuramente.

Inoltre, la Japan Organization for Metals and Energy Security , Jogmec, potrà investire fino al 75% in progetti di estrazione di terre rare. Il nome ufficiale della Jogmec, che in precedenza era Japan Oil, Gas and Metals National Corporation, è stato cambiato lo scorso novembre.

Fondata nel 2004, la Jogmec combina le funzioni delle precedenti Japan National Oil Corporation e Metal Mining Agency of Japan e agisce per garantire forniture stabili di petrolio, gas, carbone e metalli per l’industria giapponese.

A tal fine, è attiva nelle attività di rilevamento geologico, esplorazione, sviluppo, produzione, stoccaggio, riciclaggio e protezione ambientale. Inoltre, fornisce alle aziende private giapponesi impegnate in questi settori supporto tecnico, capitale azionario e garanzie sul debito.

Con il suo nuovo nome, Jogmec promuove anche la neutralità del carbonio, la cattura e lo stoccaggio, le forniture stabili di idrogeno e ammoniaca, la ricerca e lo sviluppo dell’idrato di metano, l’energia geotermica e l’energia eolica offshore.

Nell’agosto 2020, la Jogmec ha annunciato di essere riuscita per la prima volta a scavare una crosta di fondo marino contenente cobalto e nichel intorno alla montagna sottomarina Takuyo No 5, vicino a Minami-Torishima. La spedizione, che ha impiegato la nave da ricerca giapponese Hakurei e attrezzature di scavo appositamente progettate, è stata commissionata dal Ministero giapponese dell’Economia, del Commercio e dell’Industria.

Furono condotti anche test di lavorazione mineraria, raffinazione e fusione ed è stato valutato l’impatto ambientale dello scavo. Oggi Jogmec parte con la industrializzazione dell’estrazione.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/