GIAPPONE. Lo Shinkansen tra Kiev e Leopoli…

213

Il Giappone avrà un ruolo più importante nella ricostruzione post-bellica dell’Ucraina di quello che ha avuto nell’attuale conflitto, ha dichiarato lunedì l’ambasciatore di Kiev a Tokyo.

«Nessuno meglio del Giappone sa come ricostruire un Paese», ha dichiarato Sergiy Korsunsky durante una conferenza stampa a Tokyo in occasione dei 500 giorni dall’invasione del suo Paese da parte della Russia. L’ambasciatore ha ricordato la ricostruzione del Giappone dopo le devastazioni della Seconda Guerra Mondiale e i molteplici disastri naturali, riporta Nikkei.

Korsunsky ha lasciato intendere che il ruolo del Giappone potrebbe includere il trasferimento della tecnologia del treno ad alta velocità Shinkansen. «Dal nostro punto di vista, uno dei progetti più interessanti potrebbe essere lo Shinkansen», ha dichiarato Korsunsky, precisando che «non c’è ancora nulla di deciso».

Ha rivelato che, a margine di una riunione ministeriale del Gruppo dei Sette, Oleksandr Kubrakov, vice primo Ministro per la ricostruzione dell’Ucraina, ha incontrato funzionari del governo giapponese e ha discusso «cosa può fare il Giappone nella fase di ricostruzione».

Kyiv, la capitale, si trova nel centro-nord dell’Ucraina, il che significa che un treno AV consentirebbe di viaggiare ovunque nel Paese in due o tre ore, ha detto Korsunsky, aggiungendo: “È molto ragionevole”.

«Il ruolo del Giappone potrebbe essere quello di grandi progetti infrastrutturali, non di piccole opere che potrebbero essere realizzate da altri Paesi», ha aggiunto.

Il Giappone è l’unico Paese del G7 a cui è vietato inviare armi letali in Ucraina a causa delle restrizioni legali sul trasferimento all’estero di armi e munizioni. Tuttavia, ha inviato circa 100 veicoli da trasporto, giubbotti antiproiettile e attrezzature per il rilevamento delle mine.

Sebbene il Partito liberaldemocratico al governo del Giappone stia discutendo di allentare le restrizioni sul trasferimento di alcune armi letali utilizzate per operazioni di soccorso, trasporto, vigilanza, sorveglianza o sminamento, l’opinione pubblica del Paese è contrastante. Dalla Seconda guerra mondiale, la terza economia mondiale ha evitato di offrire aiuti militari ai Paesi coinvolti in conflitti.

«Non vogliamo essere un elemento di disturbo per l’opinione pubblica», ha detto Korsunsky, riconoscendo le difficoltà politiche che il governo giapponese deve affrontare.

L’ambasciatore ha detto di prevedere che il Giappone potrebbe inviare tecnologie per contrastare gli attacchi dei droni russi. Alcuni esempi, ha detto, includono attrezzature in grado di sparare laser contro i droni nemici, o tecnologie per interrompere le comunicazioni tra un drone e il suo operatore.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/